Contro la caccia, la LIPU lancia una petizione on-line

Per chi non vuole la caccia a fringuelli, passeri, peppole, agli splendidi francolini di monte e ai gabbiani, la caccia in primavera e in estate, la caccia nei parchi e la depenalizzazione dei reati legati alla caccia c’è da oggi uno strumento in più. Basta collegarsi a Internet sul sito www.lipu.it e firmare la petizione con cui la LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli) chiede che non vengano approvate le modifiche alla legge 157/92 che tutela la natura e la fauna selvatica in Italia.
Come noto le proposte di liberalizzazione della caccia sono firmate da alcuni parlamentari e dal ministro delle Politiche agricole Gianni Alemanno, il cui disegno di legge sarà discusso venerdi prossimo in Parlamento.
La petizione on-line della LIPU si affianca a quella che sta partendo in tutta Italia in questi giorni con banchetti e iniziative continue ed è disponibile anche in inglese.
“L’interesse e le adesioni dall’estero, così come dal nostro Paese, sono in forte crescita. – spiega la LIPU – Contiamo nei prossimi giorni e nelle prossime settimane su una forte mobilitazione di attivisti, soci, simpatizzanti e di tutti coloro che non accettano la cancellazione delle tutele agli animali selvatici”.

Lascia un commento