Sfamare l'Africa col sole

Per far fronte alla carenza di legname nelle regioni subsahariane due associazioni di Trezzano sul Naviglio hanno studiato una soluzione ecologica. Dispensari, scuole e comunità rurali verranno dotate di cucine a energia solare.
I modelli scelti sono prodotti in Germania, in virtù di rendimento energetico, basso costo (100-150 euro), poco peso e facile trasporto. La cucine sono munite di un riflettore parabolico che concentra i raggi del sole sulla pentola e la riscalda. Possono raggiungere le stesse temperature delle cucine tradizionali (ca. 200 ºC), e conseguentemente, oltre a cucinare, permettono di infornare e friggere. A oggi sono già state spedite cucine solari in scuole, ospedali e villaggi di India, Eritrea, Salvador, Brasile, Mongolia, Guinea, Argentina, Cuba, con riscontri molto positivi.
Non solo vantaggi ecologici e maggiore autonomia dal petrolio, ma anche evidenti migliorie sociali e sanitarie. Le popolazioni rurali, come testimonia il caso indiano, possono bollire l’acqua per tutto il giorno evitando il diffondersi di virus e malattie.

Lascia un commento