E' in corso a Montecatini il 1° summit sulla biodiversità.

E’ in corso a Montecatini il primo incontro mondiale sulle aree protette fra i paesi che hanno sottoscritto la Convenzione Onu sulla Biodiversità. All’appuntamento, oltre alle delegazioni delle 188 nazioni interessate, partecipano diverse associazioni non governative ed agenzie internazionali. All’incontro, che si concluderà venerdì 17 giugno, partecipa anche il ministro dell’Ambiente Matteoli, che ha sottolineato l’importanza dei parchi per salvaguardare la biodiversità di flora e fauna. Scopo del vertice è infatti quello di frenare la progressiva scomparsa di molte specie animali e vegetali: si stima che, mediamente, siano 74 le specie che quotidianamente cessano di esistere (fonte Adnkronos, ndr). Proprio per trovare una soluzione a questo grave problema sono previsti, parallelamente al summit, alcuni incontri scientifici di notevole spessore, di cui uno dedicato all’iniziativa “Countdown 2010” che prese il via al vertice di Johannesburg del 2002 sullo Sviluppo Sostenibile e che si prefigge l’obiettivo di ridurre, entro il suddetto anno, la perdita di biodiversità in maniera sostanziale.

Alcune cifre: attualmente sono 48.000 i parchi naturali in tutto il mondo, pari al 10,6% delle terre emerse. Al momento la fauna italiana elenca 57.000 specie di cui 47.225 terrestri e 10.275 marine. Ben 5.000 sono le specie endemiche in Italia, cioè, non presenti al di fuori dei nostri confini. Anche la flora si distingue per la sua ricchezza: 6.711 specie, di cui il 13% presenti esclusivamente nel nostro Paese. E’ proprio l’Italia, insieme a Spagna ed ex Jugoslavia, il Paese che vanta la maggior varietà floristica. Infine alcune informazioni sui parchi di casa nostra: 21 quelli costituiti, 3 in fase attuativa. La loro superficie copre circa il 5% del territorio nazionale. Un ruolo importante, quello dei parchi, non solo per la salvaguardia della natura ma anche per la valorizzazione delle risorse locali. I comuni facenti parte di queste aree, infatti, trovano proprio nella presenza del parco un’importante elemento di coesione.

Lascia un commento