Meno inquinamento con 'Ecodigitale'.

Una Direttiva Comunitaria del 2002 regolamenta con dovizia di particolari le modalità di smaltimento dei rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE). Il motivo è chiaro: tali oggetti contengono sostanze (piombo, cadmio, mercurio, cromo, etc) in grado di danneggiare gravemente l’ecosistema. Per questo nel luglio 2004 partì “Ecodigitale”, un’iniziativa frutto della collaborazione fra CDC, importante azienda nella produzione informatica, e Computer Discount, leader nel settore distributivo. Stampanti, pc, scanner, fax ed altre attrezzature potenzialmente riutilizzabili, per una cifra pari a 29 tonnellate (più di 10.700 unità) sono stati ritirati gratuitamente da CDC dal 2004 ad oggi grazie anche alla collaborazione degli oltre 200 negozi Computer Discount sparsi in tutta la penisola.
Imprese e privati cittadini hanno potuto così contribuire senza nessuna spesa alla salvaguardia dell’ambiente: ben il 95% dei prodotti ritirati sono stati poi riutilizzati. Un progetto che coinvolge dallo scorso Maggio anche cartucce esauste e toner, andando anche oltre i dettami della suddetta Direttiva Europea: fin qui 6.800 le unità raccolte di cui circa il 63% riutilizzate.
Un’iniziativa di responsabilità sociale che non è passata inosservata, ottenendo fra gli altri il riconoscimento “Toscana Ecoefficiente 2005” da parte dell’Assessore all’Ambiente della Regione Toscana.
Ha dichiarato a margine della premiazione Flavio Catelani, Direttore Qualità, Ambiente, Assistenza Tecnica e Customer Service di CDC: “Rappresenta per noi una grande soddisfazione per un’iniziativa su cui abbiamo iniziato a lavorare circa due anni fa e che ha contribuito sensibilmente a ridurre l’impatto dei rifiuti elettronici ed informatici in tutta Italia e non solo in Toscana, a testimonianza della tradizionale propensione del Gruppo CDC al rispetto dell’ambiente”.

Lascia un commento