Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

I migliori Comuni Ricicloni 2006

Venti milioni di italiani “ricicloni”. Sono tanti, secondo le stime di Legambiente, i cittadini che fanno parte del popolo dei Comuni Ricicloni, distribuiti tra le 850 realtà che hanno superato l’esame per essere compresi nell’originale classifica.
L’iniziativa di Legambiente, patrocinata dal Ministero per l’Ambiente, nata già nel 1994, premia le comunità locali, amministratori e cittadini, che hanno ottenuto i migliori risultati nella gestione dei rifiuti: raccolte differenziate avviate a riciclaggio, ma anche acquisti di beni, opere e servizi, che abbiano valorizzato i materiali recuperati da raccolta differenziata.
Sono ben 17 i capoluoghi ricicloni del Nord Italia: 8 in Lombardia (il primato assoluto è di Lecco), 3 nel Veneto, in Emilia Romagna e in Piemonte, che annovera la new entry del capoluogo regionale Torino. Al centro risponde solo la Toscana con 4 città, con risultati fermi a cinque anni fa. Nel Sud, invece, la conferma negativa di nessuna presenza in classifica.
Tra i comuni, vincitore assoluto è Maserada sul Piave, 7.500 abitanti, che soffia il primato a Roncade, altro comune trevigiano, vincitore dello scorso anno. Una citazione speciale hanno ricevuto i comuni abruzzesi di Orsogna, per la migliore raccolta del verde e dell’organico nei comuni del Centro Italia, ed il comune di Fara S. Martino, per la migliore raccolta dell’alluminio.
Al di là della bontà ecologica dei risultati, la riflessione che ne consegue è che, dati alla mano, siamo davanti a testimonianze di pubbliche amministrazioni capaci di gestire bene i rifiuti prodotti, di valorizzarli in quanto materia recuperabile e di creare un mercato delle materie prime secondarie, di costruire nuove professionalità e nuovi posti di lavoro. Dai comuni modello, adesso, l’appello al nuovo governo per incentivare adeguate politiche di sostegno al loro impegno e promuoverne sempre di più.

Lascia un commento