Le auto sportive diventano ecologiche

Anche l’automobilismo sportivo si impegna a combattere il riscaldamento globale. L’Agenzia americana per l’ambiente, il dipartimento dell’energia degli Stati Uniti insieme al gruppo organizzativo dell’American Le Mans Series, la corsa americana cui partecipano anche Ferrari, Audi e Porche, hanno deciso di fissare i principi per rendere la competizione automobilistica ecologica. Le regole e la procedura per partecipare alla nuova gara sono in fase di discussione in questi giorni ad Atlanta, ma è certamente un segno carico di presagi e novità che la più nota corsa sportiva di automobili d’oltre oceano stia virando verso l’ecologismo.

Per ora, i criteri generali per le auto partecipanti prevedono alcune irrinunciabili eco-caratteristiche come l’uso di carburanti provenienti da fonti rinnovabili, il controllo delle emissioni di gas serra e la gestione efficiente dell’energia all’interno del veicolo. L’evento sportivo, fanno sapere gli organizzatori della gara, intende dimostrare al mercato e ai consumatori che la tecnologia verde può essere dinamica e accattivante. Le innovazioni sperimentate su pista, poi potranno diventare di serie nelle auto che useremo domani. “L’American Le Mans Series – ha detto Ed Wall del dipartimento dell’Energia americano – è una straordinaria occasione per dimostrare e abituare i consumatori ai carburanti alternativi e ad una mobilità più efficiente – inoltre, ha aggiunto il manager – le tecnologie sperimentate saranno particolarmente competitive, non solo sul circuito, ma anche sul mercato”.

Tradizionalmente la corsa americana si compone di diverse gare e il team vincente viene premiato con la partecipazione alla 24 ore di Le Mans francese. La competizione, che inizierà con la corsa di Sebren il 15 marzo, mira dunque a favorire e accelerare lo sviluppo di quelle tecnologie capaci di rendere le comuni auto a benzina un ricordo del passato. Ma già nelle passate edizioni le auto che partecipavano alla corsa lo hanno fatto utilizzando, biocarburanti: nelle precedenti due edizioni Audi ha corso con un diesel pulito di nuova generazione e l’anno scorso l’americano EPIC (il comitato per la promozione e l’informazione sull’etanolo) ha introdotto, insieme ad altri partners, il carburante E10, una miscela di benzina composta da etanolo per il 10%. Quest’anno saranno ribaltate le proporzioni e si introdurrà l’E85 (85% etanolo e 15% di benzina).

Insomma le piste della corsa americana saranno un’occasione per mettere sul banco di prova e stimolare tecnologie all’avanguardia nel campo della mobilità.

Lascia un commento