Al via la giornata internazionale sul risparmio energetico

Dopo il successo dell’edizione 2007, anche per il 2008 il bel paese riconferma il suo appuntamento con “M’illumino di meno”, la più importante campagna di sensibilizzazione e comunicazione internazionale sul tema Risparmio Energetico, lanciata per la prima volta nel febbraio 2005 da Caterpillar – il noto programma di Radio2 – in occasione dell’entrata in vigore del protocollo di Kyoto. L’iniziativa, patrocinata dal Ministero dell’Ambiente e dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri s’inserisce nel quadro dei progetti etici, primo fra tutti quello di contrastare la minaccia dell’effetto serra e dei cambiamenti climatici, pensati per contribuire agli obiettivi fissati e sottoscritti a Kyoto da 141 paesi.

Il 2007 è stato teatro di iniziative e proposte senza precedenti in tutt’Europ. Cittadini, imprese e associazioni sono stati protagonisti di una vera e propria gara etica per attuare ‘best practices’ in tema ambientale.

L’ effetto più sensazionale di “M’illumino di meno” 2007 è consistito nello spegnimento simbolico dei più importanti monumenti e delle principali piazze unite in una sorta di “silenzio energetico” comune; azioni emblematiche che hanno portato alla ribalta mediatica il tema del risparmio energetico e dell’uso responsabile dell’energia e delle risorse.

Quest’anno la campagna è partita il 15 gennaio e si protrarrà fino al 15 febbraio, data da segnare sul calendario perché proclamata “Giornata internazionale del Risparmio Energetico”. La visibilità mediatica e la partecipazione maggiore sono, infatti, concentrate nella Giornata 15 febbraio 2008. La sfida internazionale è rivolta a tutti: imprese, enti, cittadini e associazioni sono chiamati a spegnere le luci e tutti gli impianti elettrici non indispensabili per ridurre al minimo i propri consumi, specie elettrici, nell’orario di messa in onda della trasmissione radiofonica, dalle 18 alle 19,30.

La campagna rappresenta un vero e proprio esempio di stakeholder engagment: vuole infatti riportare all’attenzione dei media e dell’opinione temi caldi quali la limitatezza delle risorse naturali,
l’impatto ambientale e climatico dell’inquinamento, l’iniquità e l’insostenibilità sociale ed ecologica dell’odierno sistema di governo dell’economia mondiale, attraverso il loro coinvolgimento diretto.

Nel mese precedente la Giornata vera e propria, Caperpillar darà voce all’impegno che ognuno può mettere in campo nei comportamenti quotidiani per influire realmente sui consumi e per ridurre gli sprechi.
Suggerimenti, trovate, invenzioni, proposte ed iniziative da emulare sono raccontate ai microfoni di Radio2 da scienziati e da persone comuni.

L’ingrediente principale per la riuscita della campagna è la partecipazione e il coinvolgimento collettivo: i semplici cittadini, le aziende, i negozianti, le scuole, i ristoranti, le palestre, i musei, i gruppi multinazionali, le società sportive, i gruppi scout, le istituzioni, le associazioni di volontariato, le università, sono invitati a lottare per diminuire i consumi in eccesso. Ciascuno può fare ciò che più ritiene opportuno: spegnere vetrine, computer, apparecchiature elettriche, evitare di lasciare il pc acceso… Tutto è ammesso. L’importante è agire, singolarmente e collettivamente, per eliminare gli sprechi e le inefficienze.

Lascia un commento