Nasce ecocho.it, il motore di ricerca enviromental oriented

Si chiama Ecocho ed è l’ultima trovata dell’ Australia; il primo motore di ricerca verde, ecologico, e a zero emissioni. Due le parole che lo descrivono: “user friendly”, in grado cioè di fornire agli utenti un accesso facile alle ricerche online ed “enviromental oriented” capace di compensare le emissioni di carbonio senza costi per gli utenti.
E non è finita qui Ecocho con lo slogan “You search. We grow trees” ovvero “mentre tu cerchi, noi piantiamo gli alberi”, sostiene la tutela dell’ambiente piantando 2 alberi ogni 1000 ricerche effettuate dagli utenti che utilizzano uno dei più famosi motori di ricerca aderenti al progetto: Yahoo!
Il suo fondatore Tim McDonald assicura che il 70% del fatturato del proprio sito verrà reinvestito in crediti di emissioni di carbonio e nel supporto di progetti ed iniziative correlati all’emissione di carbonio anche in altri stati e Paesi. In Australia, Ecocho acquisterà crediti di emissioni di carbonio tramite il New South Wales Government Greenhouse Gas Abatement Scheme (GGAS) , e sarà la KPMG a controllarne acquisizione, registrazione e ritiro.
Le ricerche su internet effettulate in Australia, ogni mese, sono circa 800 milioni e , come non manca di sottolineare McDonald: “se si riuscisse a catturare anche solo l’1% del traffico si potrebbe contribuire in modo significativo ad abbassare l’ impatto di gas nocivi che vengono emessi ogni giorno”. Ecocho è stato lanciato in contemporanea in 14 paesi tra cui l’Italia, e già ha contribuito al imboschimento di molte aree. E questo è sempre verificabile! Ogni utente potrà, infatti, verificare direttamente sull’ home page il numero di alberi raggiunti, la zona in cui gli alberi vengono piantati attraverso un apposito planisfero cliccabile, ed infine il numero di chili di anidride carbonica assorbita. Per adesso i boschi sono tutti in Australia, ma a tutti gli ambientalisti convinti, quelli in erba e gli amanti della natura l’arduo compito di incentivare la green research su Ecocho. L’ uso quotidiano della tecnologia, in questo caso rappresenta un modo per sensibilizzare sul problema ambientale e per abbassare, almeno in parte, il pericoloso impatto di gas nocivi emessi ogni giorno con un semplice click!

Lascia un commento