Unione Europea: inquinare è reato penale

Entrerà in vigore il 10 giugno la risoluzione UE che rende reati penali – e non solo amministrativi – i danni all’ambiente su tutto il territorio europeo: “Per i responsabili dell’inquinamento del nostro ambiente non ci saranno piu’ porti sicuri”. Commenta così il vicepresidente dell’esecutivo europeo, Jacques Barrot, l’approvazione delle norme contro le violazioni che danneggiano l’ambiente. Il punto forte della normativa proposta sono le regole comuni che rendono più efficaci i sistemi di indagine fra gli Stati. Sarà anche più difficile per i membri di eurolandia tentare di depenalizzare i reati inferti all’ecosistema.

L’attuazione della risoluzione «con sanzioni penali effettive, proporzionate e dissuasive» spetterà però agli stati membri che avranno due anni per modificare l’ordinamento nazionale e rendere più stringenti le norme sull’ambiente. In accordo con la Corte – pronunciatasi nel 2007 con una sentenza – l’Unione Europea ha deciso dunque di dotare gli Stati membri di una cornice in cui ogni singolo paese dovrà definire norme nazionali. Possibile maggiore severità, ma il limite minimo ora è fissato da Bruxelles.

Il provvedimento anti-inquinatori nasce da una relazione dell’eurodeputato tedesco Hartmut Nassauer e punta i riflettori sui danni alle persone, all’aria, al suolo, all’acqua, alle piante e agli animali, se commessi in modo intenzionale o causati da grave negligenza. Di particolare interesse i rifiuti: punibili dunque le attività di trasporto, il recupero e lo smaltimento. Anche una cattiva sorveglianza sarà un’attività a rischio penale.

Fino al 2007 sono stati – secondo Legambiente – 4.409 i reati accertati nel ciclo dei rifiuti. Un business illegale che supera i 5,8 miliardi di euro che anche con l’euro-legge si cerca di stroncare.

In Italia, secondo il rapporto Ecomafia 2007 sono state accertate in Italia ben 23.668 infrazioni alla normativa ambientale, il 45,9% delle quali nelle 4 regioni a tradizionale presenza mafiosa (Calabria, Campania, Puglia e Sicilia).

Tutelate dall’UE anche le specie protette sia animali che vegetali: vietato e punito il possesso, il traffico o l’uccisione di specie di particolare rarità e interesse. Tempi duri anche per chi incita, favorisce o permette questi reati: sarà punibile.

Lascia un commento