Per l'Onu un sistema Gsm in regalo

Il programma umanitario del gruppo svedese punta a migliorare le operazioni di soccorso in caso di catastrofi.Un regalo da parte di Ericsson per le Nazioni Unite che servirà a migliorare le operazioni di aiuto umanitario in tutto il mondo. Il colosso svedese della telefonia cellulare ha donato al centro di telecomunicazioni Onu di Brindisi un sistema completo di comunicazioni Gsm che andrà ad integrare le prestazioni della rete satellitare già operativa. Il maxi-regalo comprende la fornitura di tutte le apparecchiature di rete, telefonini, software e hardware oltre che l’installazione, il collaudo, la formazione e il supporto a distanza da parte di Ericsson per i primi due anni dal lancio del sistema. Alla donazione prendono parte anche Sun Microsystem e Logica che contribuiscono offrendo rispettivamente apparecchiature hardware e materiale software. L’iniziativa rientra nell’ambito del progetto umanitario Ericsson Response e ha l’obiettivo di portare un aiuto concreto alle popolazioni in caso di calamità. Il programma è realizzato in collaborazione con le maggiori organizzazioni di aiuto umanitario mondiali e mira a rafforzare e a migliorare le operazioni di soccorso, a livello internazionale, attraverso la fornitura di tecnologie d’avanguardia e l’intervento di personale qualificato messo a disposizione dal gruppo svedese. Ericsson Response, che in tutto il mondo conta sedi locali, lavora con l’Onu e la Croce Rossa Internazionale per sviluppare programmi umanitari che, in caso di emergenza, permettano di far arrivare i soccorsi rapidamente e in maniera coordinata. Solo nel 2001, grazie al programma Ericsson Response, il gruppo svedese è intervenuto in più di venti situazioni catastrofiche. Come nel caso dei gravi terremoti che nei primi mesi di quest’anno avevano fatto tremare la terra in India, nel Salvador e in Perù o gli interventi a fianco della Croce Rossa Internazionale e delle altre organizzazioni umanitarie nei giorni successivi agli attacchi terroristici dell’11 settembre scorso a New York e a Washington.

Lascia un commento