Road map, sì del governo israeliano

Dopo una tormentata riunione, l’esecutivo di Ariel Sharon ha votato in favore del “percorso di pace” tracciato da Usa, Ue, Russia e Onu. Soddisfatti gli Usa, cauti i palestinesi. Il governo del premier israeliano Ariel Sharon ha dato oggi un tormentato e, a giudizio di molti, storico assenso alla road map, il “percorso di pace” tracciato dal “Quartetto” (Usa, Ue, Russia e Onu). Ha perciò per la prima volta ufficialmente accettato la nascita di uno stato palestinese in Cisgiordania e nella striscia di Gaza. Israele ha però precisato che questo assenso si basa sull’ impegno preso dagli Stati Uniti due giorni fa di esaminare “pienamente e seriamente” le 14 osservazioni che Israele aveva già sollevato in merito a diversi punti della road map. […]

Lascia un commento