L'Onu s'impegna a proteggere i minori dalla guerra

Il Consiglio di sicurezza dell’Onu ha approvato all’unanimità una risoluzione per la protezione dei minori in situazioni di guerra: le misure prevedono la creazione di un sistema globale di controllo e raccolta di informazioni sugli abusi di cui sono vittime i bambini, dal reclutamento forzato, ai sequestri, al mancato accesso agli aiuti umanitari. Unità di esperti dell’Onu saranno incaricate di monitorare inizialmente 11 teatri di guerra per stilare rapporti periodici sul comportamento di tutti i belligeranti nei confronti dei minori; la documentazione raccolta servirà per imporre sanzioni ai responsabili di violazioni dei diritti dei bambini, sia che si tratti di Stati che di gruppi armati. Un particolare controllo verrà effettuato su 54 gruppi armati, tra cui i guerriglieri delle Forze armate rivoluzionarie della Colombia (Farc), le Tigri Tamil dello Sri Lanka, le milizie arabe Janjaweed attive in Sudan e i ribelli ugandesi del sedicente ‘Esercito di resistenza del signore’ (Lra). Secondo dati dell’Onu, nell’ultimo decennio due milioni di bambini sono morti in conflitti armati nel mondo e almeno altri sei milioni sono stati feriti o mutilati; più di 250.000 sarebbero tuttora costretti a combattere.

Lascia un commento