Arrestati scafisti dopo un inseguimento in alto mare

Due unità della Guardia di finanza, dopo un inseguimento, hanno abbordato a 40 miglia a largo di Capo Rossello un peschereccio che durante la notte aveva trasportato nell’area di Porto Empedocle un numero imprecisato di clandestini. A bordo gli scafisti e qualche immigrato che non era riuscito a sbarcare.
Tutto è iniziato poco dopo la mezzanotte quando alcuni cittadini di Porto Empedocle hanno segnalato lo sbarco nelle vicinanze della costa di diversi clandestini, che sono arrivati davanti alle coste siciliane a bordo del peschereccio, lungo 20-25 metri.
Vi è stata una battuta in mare e a terra, ma dei clandestini non è stata trovata traccia: avevano probabilmente già raggiunto la costa. E’ stato allora deciso di inseguire il peschereccio il quale, durante la fuga, ha tentato di speronare le unità della guardia di finanza. Le forze dell’ordine, coadiuvate nell’operazione da tre motovedette della guardia costiera, stanno ora cercando ora di identificare scafisti ed immigrati.

Lascia un commento