Sgominata banda di pedofili

L’incubo per oltre 200 bambini è finito. Dalla scorsa notte gli uomini della squadra mobile di Roma stanno infatti eseguendo 18 arresti a presunti pedofili che avrebbero abusato di almeno 40 ragazzini. Si pensa però che siano oltre 200 gli adolescenti finiti nelle mani di sfruttatori che con qualche euro, un cellulare, un banale gioco o un semplice panino riuscivano ad adescare le piccole vittime e ad abusare di loro. Il luogo di incontro privilegiato dagli adulti era il campo nomade di Tor Fiscale, lungo la via Appia, e proprio da qui, grazie alla segnalazione dei servizi sociali della capitale, sono partite le indagini. Dopo oltre un anno di osservazioni, intercettazioni ambientali e telefoniche gli investigatori sono riusciti a risalire alla rete di pedofili e ad identificare ben 18 persone (12 italiani e 6 rumeni) che ora dovranno rispondere a vario titolo di violenza sessuale in danno di minori, sfruttamento della prostituzione minorile ed estorsione aggravata. Gli aguzzini erano strettamente in contatto tra loro come lo dimostrano le telefonate intercettate dagli agenti investigativi che hanno detto caratterizzate da confessioni scioccanti sui particolari delle violenze che i bambini, quasi sempre extracomunitari, erano costretti a subire. Le indagine e le persecuzioni hanno coinvolto anche persone di altre città quali Napoli, Licata, Aosta, Pescara, Pordenone e Milano.

Lascia un commento