Shoah: pene più severe contro antisemitismo

Il ddl Mastella sul negazionismo è stato approvato all’unanimità dal Consiglio dei Ministri. Lo si apprende da fonti ministeriali. In una nota diffusa dal ministero della Giustizia si precisa che il disegno di legge del Guardasigilli contro il negazionismo dell’Olocausto, ”amplia e rende più severe” le norme per quanti propagandino la superiorità razziale e quanti commettano o incitino a commettere atti discriminatori.

Ma non solo. Il provvedimento stabilisce infatti che ”venga punito con una pena sino a tre anni chiunque diffonda idee sulla superiorità razziale” e prevede ”una pena da sei mesi a quattro anni per chiunque commetta o inciti a commettere atti discriminatori per motivi razziali, etnici, nazionali, religiosi o compiuti a causa del personale orientamento sessuale o dell’identità di genere”.

Il ddl prevede, inoltre, che gli assegni vitalizi per i perseguitati politici e razziali non incidano sui limiti di reddito. E’, quindi, ora possibile il riconoscimento dell’assegno e della pensione sociale indipendentemente dal reddito.

Il disegno di legge include il ”finanziamento di un programma internazionale di educazione sull’Olocausto” e istituisce un Osservatorio sull’antisemitismo in Italia.

Lascia un commento