Solidarietà dagli studenti di Brindisi al comune di Mirandola

Al Comune di Mirandola è arrivata una lettera di solidarietà dagli studenti dell’Istituto “Morvillo-Falcone” di Brindisi, che è stato teatro – il 19 maggio scorso – del terribile attentato costato la vita alla 16enne Melissa Bassi. Una lettera che ha profondamente commosso il sindaco di Mirandola, Maino Benatti, che ha risposto ai ragazzi della classe III A Moda dell’Istituto brindisino.

Ecco la lettera di risposta del Sindaco di Mirandola ai ragazzi dell’Istituto “Morvillo-Falcone”, che vi proponiamo integralmente:

“Carissimi ragazzi, a nome della cittadinanza mirandolese vi esprimo gratitudine per la vostra lettera.

Sono rimasto molto colpito da quello che vi è capitato. Per noi il 19 maggio era un giorno speciale, perché a Mirandola, come ogni anno, si festeggiava la Fiera di Maggio, uno dei principali momenti di aggregazione della nostra comunità. La notizia della bomba è arrivata nel bel mezzo di un momento di festa. Alle 19.12, ancora scosso, ho postato sulla mia pagina Facebook questo messaggio: 

– Sono profondamente colpito ed esprimo sconcerto e condanna per il vile attentato di Brindisi. Il mio primo pensiero va alle famiglie degli studenti colpiti da questo barbaro atto criminale. Se qualcuno pensa di approfittare del momento di forte difficoltà del Paese per far trionfare violenza e logiche criminali non passerà. Chi pensa di trascinare così l’Italia nel terrore troverà nelle Forze dell’ordine, nella Magistratura, nelle Istituzioni, nelle forze sociali e politiche un baluardo insormontabile.

Agli autori di questo terribile gesto, chiunque essi siano, dobbiamo contrapporre l’unità del nostro Paese. Il Comune ha deciso di non cancellare il programma della Fiera di Maggio, come segnale contro chi vorrebbe gettare la Nazione nel silenzio e nella paura, minandone le basi democratiche. Siamo disponibili a partecipare ad ogni iniziativa che verrà organizzata per contrastare questi disegni di terrore. Questa sera dal palco di piazza Costituente sarà letto il nostro cordoglio. Il Comune ha esposto le bandiere a mezz’asta. Profondamente commossi, anche gli studenti del Consiglio Comunale dei Ragazzi, che hanno deciso di ricordare questa sera, nel loro stand, i giovani di Brindisi. –

Oggi conosciamo con più precisione come si sono svolti i fatti e quali motivi aberranti abbiano portato al gesto che ha sconvolto le vostre vite. Poche ore dopo quel messaggio, anche le vite di noi mirandolesi sono cambiate per sempre, a causa del terremoto.

La speranza che voi indicate come base della rinascita è proprio la molla che ci spinge ad andare avanti.

La speranza di dare un futuro ai nostri giovani e a voi, che come loro avete il diritto di tornare a vivere e divertirvi in ambienti e scuole sicure e – se possibile – migliori di prima.

Ringraziandovi del pensiero che avete avuto, e rinnovando la nostra vicinanza alle famiglie degli studenti colpiti, vi abbraccio calorosamente, 

Maino Benatti

Sindaco di Mirandola

 

Fonte:  www.modenaonline.info

Lascia un commento