Italia primo paese europeo per eccellenze agroalimentari

L’Italia si conferma, ancora una volta, il primo Paese europeo per numero di riconoscimenti conseguiti nel settore agroalimentare. Sono ben 239 i prodotti italiani Dop, Igp e Stg riconosciuti al 31 dicembre 2011 (20 in più rispetto al 2010). Lo rende noto l’Istat attraverso un comunicato stampa.

Dei 239 prodotti italiani Dop, Igp e Stg, 233 risultano attivi. I settori agroalimentari che vantano il maggior numero di riconoscimenti sono ortofrutta e cereali (94 prodotti), i formaggi (43), gli olii extravergine di oliva (42) e le preparazioni di carni (36). Le “carni fresche” e gli “altri settori” comprendono, rispettivamente, 3 e 21 specialità.

Nel 2011, gli operatori certificati sono 84.148, in calo dello 0,5% rispetto al 2010. Di questi, il 91,9% svolge esclusivamente attività di produzione, il 5,9% solo trasformazione e il restante 2,2% entrambe le attività.

I produttori (-0,4% rispetto al 2010) sono più numerosi nei settori dei formaggi (31.116), degli oli extravergine di oliva (20.278) e degli ortofrutticoli e cereali (16.621). Mentre i trasformatori (+4% rispetto al 2010) sono più numerosi nei settori degli oli extravergine (1.855), dei formaggi (1.663) e degli ortofrutticoli e cereali (1.092).

Nel sistema di certificazione, gli operatori fuoriusciti (9.080) superano i nuovi entrati (8.641). Tra i titolari di queste aziende prevale la componente maschile: infatti, il 79,9% dei produttori e l’85,3% dei trasformatori sono uomini.

Il 28% dei produttori è localizzato in montagna, a fronte del 17% di aziende agricole montane rilevate dal censimento dell’agricoltura nel 2010.

A livello territoriale continua il progressivo rafforzamento dei prodotti di qualità nelle regioni meridionali, sebbene gli operatori e le strutture produttive risultino storicamente radicati soprattutto nel Nord del Paese.

 

Nessun Commento

Lascia un commento