Lotta all’evasione: nel 2012 boom di segnalazioni

I cittadini italiani partecipano attivamente alla lotta all’evasione fiscale. Secondo i dati della Guardia di Finanza le chiamate al 117, da inizio anno a fine settembre 1012, sono state circa 50.000, pari ad un aumento del 92 % rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente.

Come si legge nel comunicato stampa diffuso dalle Fiamme Gialle: “Ancora più marcato è l’incremento delle segnalazioni di violazioni fiscali, che vanno dalla mancata emissione dello scontrino, ai lavoratori in nero, sino ai casi più complessi ed articolati di frode: nel periodo anzidetto l’incremento è del 228%, con quasi 24.000 chiamate contro le 7.381 del corrispondente periodo del 2011. Il boom era stato registrato sin dai primi mesi dell’anno, ma i dati di medio periodo confermano ora l’assestamento del trend positivo“.

Non si tratta, quindi, di un fenomeno sporadico: l’aumento delle segnalazioni è sintomatico della crescente partecipazione della cittadinanza alla lotta all’illegalità economico-finanziaria.

Il maggior numero di segnalazioni riguarda bar e ristoranti. Per le maggiori somme evase, invece, sono in prima fila medici e dentisti.

Oltre all’azione del Governo, che da tempo ha individuato la lotta all’evasione fiscale come mezzo sia di giustizia sociale che di risparmio economico, anche il contributo dei cittadini diventa importante.

 

Lascia un commento