Green Hill, azienda rinuncia al ricorso in Cassazione

La vicenda giudiziaria di Green Hill e dei 2500 beagle si è ufficialmente conclusa. L’azienda di Montichiari, accusata fra l’altro di maltrattamento di animali, ha infatti rinunciato al ricorso in Corte di Cassazione contro il sequestro probatorio dei suoi cani. Lo ha reso noto la Lav (Lega Antivivisezione) che spiega: “questa ritirata fa supporre che ad una nuova valutazione del caso, la ditta abbia finalmente capito che non aveva alcuna possibilità di vincere e fa ben sperare per il buon esito della vicenda giudiziaria”.

Fonte: Il Fatto quotidiano

Lascia un commento