Johannesburg, quella stretta di mano tra Obama e Castro

Nelson Mandela unisce anche da lontano: questo hanno pensato in molti ieri, martedì 10 dicembre, quando allo stadio di Johannesburg in un gesto di disgelo senza precedenti, il presidente degli Stati Uniti Barack Obama ha stretto la mano al leader cubano Raul Castro. Non era mai successo in passato che Usa e Cuba “dialogassero” da vicino, se non anni fa, in un fugace scambio di parole tra Clinton e Fidel Castro.  Che questo gesto sia il primo, o che rimanga l’unico, sarà solo la storia a dirlo (purtroppo le strette di mano tra leader spesso non sono state sinonimo di “amicizia” tra Paesi, ma dolo formalità). Intanto, però, non sembra un caso che questo gesto di Obama, che tutti hanno confermato essere non programmato, ma spontaneo, abbia avuto luogo proprio nel giorno del ricordo di Maniba, l’eroe che ha combattuto, prima di tutto, la separazione usando dialogo e perdono.

Un Commento

Lascia un commento