Un pugno al bullismo!

E’ sempre esistito, ma questo non significa che sia impossibile da affrontare. Ieri non aveva un nome, ma oggi che gliene è stato dato uno è più facile parlarne, e soprattutto agire, per arginarlo. Il bullismo è una parola che svetta con quotidiana frequenza nelle cronache giornaliere per indicare un fenomeno che riguarda un adolescente su cinque e che si concentra soprattutto nelle scuole. Ma può esistere in tutti i quartieri, le città, e i contesti socio-culturali, perché quello che spaventa è l’essere diversi. E, a quello che non si comprende, si dà un nomignolo sgradevole nel “migliore” dei casi, e si arriva all’umiliazione fisica e morale nel peggiore.

Negli ultimi anni, proprio perché il fenomeno è uscito dall’anonimato sono state tante le iniziative a cui hanno dato vita istituzioni e associazioni. Si è compreso che non si è di fronte a ragazzi “cattivi”, ma a persone che per svariate ragioni sociali e caratteriali decidono di “interpretare” un ruolo: ci sono vittime che poi diventano bulli, bulli che si trasformano in vittime.  Perché spesso aggressore e aggredito hanno caratteristiche comuni che poi prendono strade diverse. Il contesto familiare, forme di timidezze e di insicurezze che assumono tratti violenti o remissivi: tutto questo può contribuire a creare vittime e aggressori.

In base ai dati della ricerca svolta nell’ambito del Progetto europeo ” Antibullying Campaign” su 16.227 giovani delle scuole superiori di 5 Paesi tra cui l’Italia, un ragazzo su due dice di aver assistito a episodi di bullismo, il 15% di esserne stato vittima, mentre il 16% ammette di essere un bullo.  Secondo la ricerca, le prime avvisaglie di bullismo si possono riscontrare già dalle scuole elementari (e persino alle materne), dove si vedono le prime forme di prevaricazione. Ed è per questo che la prevenzione sembra essere la prima strada da percorrere. Tutto ciò è confermato da un nuovo studio dell’ospedale pediatrico di Boston  pubblicato sulla rivista Pediatrics dove si sottolinea come “gli atti di bullismo lasciano segni visibili sulla vittima, anche dopo molti anni. Più a lungo si è stati nel mirino di prepotenti e delle loro angherie, più profondo e duraturo è l’impatto sulla propria salute generale, sia fisica sia mentale. Per questo intervenire al più presto può fare la differenza“.

Prevenzione che, oltre a ciò che possono fare gli adulti per aiutare i ragazzi, si traduce anche nel cosa possono fare i ragazzi per aiutare loro stessi. Anna Oliverio Ferraris, psicologa e psicoterapeuta e autrice del libro ” Conta su di me, relazioni per crescere”, ha infatti recentemente dichiarato a Repubblica che se è vero che scuola e famiglia possono fare molto, bisogna soprattutto fornire gli strumenti agli stessi ragazzi per contrastarlo. “Non bisogna essere violenti ma è bene imparare a difendersia volte è sufficiente un atteggiamento deciso o una frase detta al momento giusto per scoraggiare il bullo “.

Krav Maga BullismoE imparare a farlo è il modo migliore per acquisire fiducia in sé, disciplina, capacità di controllo. “Non bisogna picchiarsi per trovare l’autostima… la prima cosa da allenare è sempre la testa” ci racconta Omar Borghini, istruttore di Krav Maga, disciplina di autodifesa che sta sempre più prendendo piede anche in Italia. Omar di vittime di bulli ne ha viste spesso dato che è specializzato nella formazione di bambini e ragazzi e da anni li segue affinché diventino, prima di tutto, difensori di se stessi.

Un bambino deve imparare a difendersi da solo perché non ci saranno sempre mamma e papà a proteggerlo – ci racconta – E quando approda nel “mondo esterno” con i suoi quotidiani pericoli e situazioni da affrontare lui deve essere pronto, sapere che può cavarsela. Come si dice… meglio prevenire che curare“.

E proprio nei corsi tenuti dalla AKM Italia i bambini non mancano: dai 6 ai 15 anni “armati” di casco, guantoni, voglia di fare affrontano situazioni della vita quotidiana, imparando a difendersi non solo con i gesti, ma anche e soprattutto con l’atteggiamento. “Il krav maga affronta situazioni sulla vita reale, perchè è nato con uno scopo preciso: difendere se stessi” – sottolinea Omar.

Krav Maga Bullismo

Da chi ha fatto fatica a integrarsi nella scuola nuova, e per questo ha subito angherie, a quello più esile degli altri che è preso di mira, la casistica è varia. “Nei miei corsi noto prima di tutto l’interesse verso quello che facciamo e poi il cambiamento mentale. Raggiungono più sicurezza in loro stessi e portano questa sicurezza anche fuori“. Maschi e femmine che nel giro di qualche mese si sentono più forti, anche e soprattutto interiormente. “Ricordo sempre che il Krav nasce per difesa e non per attacco” e, infatti, imparare a reagire non implica affatto diventare violenti, ma al contrario essere più calmi e tranquilli nell’affrontare le situazioni quotidiane. 20140311_211641Qualsiasi disciplina o sport dove ci sia un confronto, una sfida o un limite da superare potrebbe essere utile per conoscere se stessi e migliorarsi  – conclude Omar –  e questo aiuta ad aumentare l’autostima , rafforzare il carattere ma in particolare allenare la mente“.

E questo vale sia per chi subisce, ma anche per il “bullo” di turno che può imparare molto frequentando questi ambienti dove il confronto con gli altri e la disciplina aiutano a far cambiare atteggiamento anche a chi si crede superiore e invincibile. Perché, come ha dichiarato la psicologa Silvia Vegetti Finzi al Corriere “il bullo è qualcuno che fa qualcosa di violento, non è un violento. Occorre lavorare sulle sue positività“.

 (Foto Ileana Paolicelli)

Scopri anche…

Bikers contro gli abusi sui minori

Codice anti cyber-bullismo, via alle consultazioni pubbliche

Autista di bus aggredito da bulli, dà ai ragazzi una lezione di vita

11 Commenti

  • Gianpaolo ha detto:

    Grande iniziativa…..ho assistito alla lezione bravi e molto professionali senza tracce di esaltazione verso i piccoli complimenti avanti con la vostra iniziativa un saluto da Gianni N. Cusano Milanino

  • Mirella ha detto:

    Bravi complimenti finalmente qualcuno che pensa a questi piccoli indifesi…porterò i miei bimbi a fare una prova…

  • Edoardo ha detto:

    Ottima idea complimenti a chi ha creato questa iniziativa, da genitore sono fortemente preoccupato visto quello che si sente oggi….complimenti ancora Edoardo G.( cormano)

  • Franca ha detto:

    Porterò il mio piccolo già’ vittima di brutte esperienze…e credetemi per una mamma non e’ una bella cosa, mamme forza insegnamo qualcosa ai nostri bimbi!!!!!

  • Carla ha detto:

    Condordo pienamente con Franca e appoggio l’iniziativa a questi istruttori.

  • Luigi Ferrini ha detto:

    E’ arrivato il momento di adottare certe misure di sicurezza per noi è per i nostri figli, insegnare a loro qualcosa e’ meglio di niente tra le altre cose parlando con una collega mi diceva che aveva portato giorni fa’ la figlia a fare una roba strana poi ho trovato questo articolo e lei parlava di loro….insomma conoscendo l’elemento per tornare soddisfatta lei! Proverò’ a portare le mie pesti.

  • Umberto ha detto:

    Io sono un ex combattente professionista sono a favore per la difesa sui bambini, i bambini non si toccano e comunque e’ giusto insegnare loro a difendersi dai pericoli bravi.

  • […] e intelligenti ma con problemi di relazione che vengono aggrediti anche a scuola e sono vittime di bullismo, a coloro che invece non possono condurre una vita come gli altri perché hanno anche dei problemi […]

  • Giorgio ha detto:

    Ho portato mio figlio per semplice curiosità devo dire che ho trovato davvero interessante la lezione anche per me, istruttori simpatici ma allo stesso tempo severi e professionali mi hanno subito ispirato fiducia posso dire che al momento sono soddisfatto di quello che ho visto bravi.

  • Francesca C. ha detto:

    Ottima iniziativa corso parecchio interessante sia per i piccoli che per noi adulti 😉

  • Marina ha detto:

    complimenti bella lezione e che bel gruppo
    ..almeno 30 bambini bravi tutti!!!!

Lascia un commento