Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Total Made in Italy, anche la moda sceglie l'etichetta che tutela

In un mercato ormai divenuto più che globale, il rischio di contraffazione dell’eccellenze è sempre in agguato, sopratutto per il Made In Italy. Grazie però ad un’innovazione tecnologica che permette di identificare e rintracciare l’origine e la qualità dei prodotti, l’industria della qualità può finalmente tirare un sospiro di sollievo.

Il primo settore ad aver a cuore la tutela del Made in Italy è stato senz’altro quello alimentare, grazie, ad esempio, al lavoro dell’associazione Slow Food da anni impegnata nella promozione di un cibo buono sano e giusto e che da in oltre 10 anni ha assegnato 224 Presidi Italiani, ovvero una garanzia della tutela della biodiversità, del territorio e dell’impegno di piccoli produttori (contadini, pescatori, norcini, pastori, casari, fornai, pasticceri) autoctoni che adottano pratiche produttive sostenibili, pulite.

made in ItalyDa qualche anno però esiste una novità nel sistema di tutela della garanzia di qualità. Si chiama RFId, (Radio Frequency Identification) e permette l’identificazione automatica di oggetti, ma anche animali e persone (AIDC – Automatic Identifying and Data Capture), grazie alla capacità di particolari dispositivi elettronici (tag) di memorizzazione di dati, gestiti mediante un software dedicato interagente con il sistema operativo di rete interno mediante apparecchi fissi o mobili. Slow Food è da anni impegnata nella promozione di un cibo buono sano e giusto e da oltre 10 anni ha assegnato 224 Presidi Italiani, ovvero una garanzia della tutela della biodiversità, del territorio e dell’impegno di piccoli produttori (contadini, pescatori, norcini, pastori, casari, fornai, pasticceri) autoctoni che adottano pratiche produttive sostenibili, pulite.

 

made in italy GasperiInizialmente impiegata nel settore alimentare per l’identificazione dei prodotti e per la verifica della tracciabilità di filiera, il sistema RFId è stato per la prima volta introdotto in un altro settore, simbolo dell’eccellenza italiana: il fashion. L’intuizione pionieristica a garanzia del Made in Italy porta la firma di Mauro Gasperi, stilista e imprenditore della moda. Questo sistema che rende possibile l’identificazione, la rintracciabilità del prodotto garantisce inoltre l’origine delle materie prime utilizzate nella realizzazione dei prodotto, la lavorazione e il periodo di produzione.  E’ uno strumento in più per le aziende italiane per dare valore all’unicità del prodotto Total Made in Italy e mettere a disposizione dei clienti  il valore dei propri prodotti, dando agli stessi la possibilità di conoscere la storia e ricostruire il vero valore dell’eccellenza italiana.

Un Commento

Lascia un commento