Lotta alla pirateria, riconosciuto l'impegno dell'Italia anche dagli Usa

Difesa della proprietà intellettuale: dopo 25 anni di permanenza nella black list statunitense all’Italia viene riconosciuto l’impegno per la lotta fatta alla contraffazione e alla pirateria. E viene riconosciuto a livello internazionale: dopo oltre due decenni l’Italia esce dalla watch list del rapporto annuale Special 301, il documento con cui l’ufficio del commercio statunitense (Ustr) analizza la situazione internazionale relativamente alla tutela della proprietà intellettuale nei Paesi che sono partner commerciali degli Stati Uniti.

Il rapporto misura i livelli di protezione del settore culturale e gli investimenti in innovazione e creatività. “Si tratta di una decisione importante – ha dichiarato il presidente di Confindustria Cultura Italia Marco Polillo – e un riconoscimento all’Italia che in quest’ultimo anno si è distinta con misure concrete e innovative”. Positivi sono stati considerati l’adozione del Regolamento Agcom e la recente Legge con la quale si è confermata la rilevanza penale dei reati in materia di proprietà intellettuale e industriale.

Scopri anche:

Nuove norme per il “Made in Italy”. Confartigianato: “Buona notizia”

Giocattoli più sicuri: entra in vigore il decreto che attua direttiva UE

Lotta ai farmaci pirata, Italia all’avanguardia

Lascia un commento