La scelta coraggiosa (e vincente) di Campo Dall’Orto