Il gotha dei gioielli dimenticati d'Italia

La mappa dei tesori nascosti e bisognosi di aiuto disegnata nel primo censimento dei beni artistici italiani che hanno urgente necessità di essere recuperati e salvaguardati riserva molte sorprese. E’ la Fontana dell’Acqua Acetosa, a Roma, il “luogo del cuore” più votato dagli italiani nel sondaggio sull’”Italia da non dimenticare” promosso dal FAI, Il Fondo per l’ambiente presieduto da Giulia Mozzoni Crespi. La storica fontana romana (che ha ricevuto 1.467 voti) tornerà all’antico splendore attraverso la sottoscrizione promossa dal Circolo Canottieri Aniene, che, in accordo con la sovrintendenza ai Beni Culturali, restaurerà il monumento, uno tra i più ritratti dai pittori vedutisti del ‘700 e ‘800, ormai soffocato dal traffico della capitale. Alla secondo posto della graduatoria c’è il Mulino di Baresi, vicino a Bergamo, e, quindi, Villa Arconti a Bollate. Grazie al censimento, inoltre, l’ospedale Riguarda di Milano non sarà più demolito: “Almeno per quanto riguarda l’asse prospettico e le fontane”, assicura il direttore del FAI Marco Magnifico.
I dati, presentati lo scorso 21 luglio a Roma, hanno fatto registrare oltre 25mila segnalazioni, che riguardano principalmente chiese (3.483), fontane (1.555), ville (1.457). La campagna ha l’obiettivo di segnalare monumenti e paesaggi da tutelare. “ogni segnalazione – afferma il vicepresidente del FAI Vittorio Ripa di Meana – è una dichiarazione d’amore per un luogo, una chiesa, un monumento, un paesaggio da mettere in cima alla lista dei progetti futuri di manutenzione e restauro”. […]

Lascia un commento