Parte E-Leo, il genio di Leonardo Da Vinci in rete

Un vero e proprio tesoro è custodito nella Biblioteca Leonardiana del comune di Vinci (Firenze): disegni, manoscritti e progetti del più grande genio italiano, fino ad ora gelosamente custoditi e quasi inaccessibili. Per iniziativa della stessa Biblioteca, centro di ricerca e documentazione importantissimo per gli studi su Leonardo Da Vinci, sarà ora allestito un archivio on-line, nel quale sarà possibile consultare i preziosi documenti.

Il progetto si chiama “E-Leo”, sarà inaugurato il 12 maggio e potrà essere accessibile dal sito web www.leonardodigitale.com. La consultazione sarà completamente gratuita, previa registrazione al sito, e il materiale potrà soltanto essere consultato in video, senza la possibilità di stampare o scaricare. L’archivio digitale è affiancato da una trascrizione per le parti testuali, un indice per soggetto dei disegni e un glossario del lessico di Leonardo, redatto in collaborazione con il Centro di linguistica storica e teorica, di cui fanno parte l’Università di Firenze e l’Accademia della Crusca.

Grazie ad un motore di ricerca, sarà possibile creare dei percorsi ed associare gruppi di parole per campi semantici. Non solo: le due funzioni “Rifletti” e “Ruota” permetteranno di poter leggere senza problemi la particolare scrittura inversa usata da Leonardo.

L’iniziativa è lodevole, aprendo di fatto le porte del genio e della cultura di Da Vinci a tutti, per studi, ricerche o semplice sete di conoscenza. Troppo spesso infatti l’accesso a materiali così importanti è precluso ai più, per motivi di diritti, ma anche per salvaguardare i documenti cartacei. Oggi, grazie ad internet, è possibile rendere digitali tutti questi documenti, per essere messi così a disposizione per la consultazione.
Perché la cultura ed il sapere, si sa, dovrebbero essere patrimonio comune.

Lascia un commento