Arriva la borsa a… noleggio

Tempi non del tutto favorevoli per andare appresso alla moda, ne sanno qualcosa le donne, attente osservatrici di tutto quanto fa trend e, come conciliare la smania di nuovi accessori, come cinture e borse, con la scarsa disponibilità economica di ognuno? Ci ha pensato la Bag & Co., una nuova organizzazione che presenta spunti del tutto unici e innovativi nel mondo della moda e un servizio esclusivo per le sue esigenti clienti. Non comprate più la pochette, o la borsa di Louis Vitton, o ancora di Fendi e via di seguito, noleggiatela per il tempo necessario che vi servirà, le vostre amiche strabuzzeranno gli occhi davanti ad accessori firmati, esclusivi e costosi e voi avrete pagato solo il piccolo canone del noleggio, per l’effettivo utilizzo dell’oggetto.

Una formula sicuramente nuova che nasce anche in Italia e che prevede, per ogni cliente, delle tariffe “ritagliate” su misura in base a quelle che sono le proprie esigenze, ma soprattutto l’opportunità di far sfoggio di articoli, quasi unici, appagando, così, la propria vanità. Una prima a teatro, un’occasione importante, una serata mondana e la donna moderna farà la sua figura, senza dar fondo alle proprie risorse economiche sue o di chi l’accompagna.
Unica accortezza, come accade nella formula del noleggio a breve o lungo termine, attenzione a non danneggiare ciò che vi viene concesso per un tempo limitato e che, soprattutto, non è di vostra proprietà. In caso di danno, sarete tenuti al rimborso del controvalore di ciò che avevate noleggiato che sarà direttamente scalato dalla vostra carta di credito.

Interessante, infine, la particolare opzione che viene offerta alle clienti, ovvero, il riscatto del bene ad un prezzo molto conveniente. Se vi sarete tanto affezionati ad un determinato articolo, perché non proporre alla società di noleggio di vendervelo a costi di fabbrica; non avrete un articolo appena uscito, ma sicuramente potrà farvi fare per molto tempo la vostra figura e, soprattutto resterà vostro per sempre. Quando possibile, perché rinunciare?

Lascia un commento