Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Da Shangai arriva l'automobilina ad idrogeno

La notizia viene da Shangai e depone a favore di un progressivo distacco dalla petrolio-dipendenza in tema si trasporti. Certo, si tratta ancora di un giocattolo, ma potrebbe servire da apripista per la formazione di una nuova coscienza su questo delicato tema. E’ arrivata in commercio un’automobilina, chiamata E-racer, funzionante ad idrogeno. Accanto alla piccola auto è in vendita un stazione di rifornimento miniaturizzata ad energia solare. Il prototipo non richiede batterie perchè contiene un piccolo serbatoio speciale per l’idrogeno all’interno. Grazie alla stazione di produzione di idrogeno portatile, basta riempire d’acqua del rubinetto la stazione, metterla sotto il sole e il gioco è fatto grazie all’elettrolisi che fornisce l’idrogeno dall’acqua. Un LED blu si accende per far da spia durante il processo di ricarica e la macchina, il cui costo è di 80 dollari, avrà lunga vita anche con poca ricarica pulita per sbizzarirsi in corse, parcheggi e manovre varie con il radiocomando.
Purtroppo da qui ad una diffusione generalizzata di mezzi di trasporto alimentati con carburanti ecologici il passo è tutt’altro che breve: si richiede un impegno economico davvero importante, e vi sono anche notevoli difficoltà di carattere prettamente tecnologico, nonostante siano stati investiti miliardi di dollari nella ricerca.
Ha detto il fondatore della società produttrice del giocattolo, Taras Wankewycz: “L’azienda è convinta che anche un giocattolo possa educare le coscienze, facendo conoscere le auto a idrogeno al pubblico e diffondendo così la consapevolezza che un tubo di scarico da cui esce dell’acqua pulita è decisamente preferibile a uno che libera nell’aria del pericoloso particolato. E di conseguenza la commercializzazione delle vere automobili fuel cell avrebbe maggiori possibilità di far presa sui consumatori”.

Lascia un commento