Roaming internazionale: presto potrebbe diventare un ricordo

I costi eccessivi per l’uso del proprio telefonino all’estero potrebbero presto diventare un ricordo. Il sito web aggiornato della Commissione europea concernente i costi del roaming internazionale presentato oggi aggiunge ulteriori elementi a favore della proposta di ridurre le tariffe mediante un regolamento comunitario. Il sito indica chiaramente che in Europa il prezzo per una chiamata standard di quattro minuti è generalmente rimasto allo stesso elevato livello del settembre 2005 in tutto il territorio europeo, e in alcuni casi è persino aumentato malgrado i moniti della Commissione all’industria circa la necessità di ricorrere ad un regolamento europeo qualora i prezzi non fossero diminuiti. <<È arrivato il momento che il mercato interno dell’UE garantisca una riduzione significativa dei costi delle comunicazioni telefoniche per gli utilizzatori e gli uomini d’affari che viaggiano all’estero - ha dichiaro la commissaria della società dell’informazione e dei media Viviane Reding - Propongo pertanto di ricorrere ad un regolamento UE per eliminare tutti i costi ingiustificati del roaming. Un utilizzatore di telefonia mobile non dovrebbe pagare prezzi più elevati solo perché viaggia all’estero.>> Il sito web aggiornato della Commissione messo a disposizione del pubblico – disponibile in inglese, francese, tedesco, italiano, spagnolo e polacco – indica che per una telefonata di quattro minuti la tariffe di roaming variano da 0,20 euro per un consumatore finlandese che telefona a casa dalla Svezia a 13,05 euro per una telefonata di un consumatore maltese che chiama dalla Lettonia. In alcuni casi, i prezzi del roaming sono persino aumentati nel corso degli ultimi sei mesi: nel Regno Unito un operatore ha aumentato i prezzi del roaming da 3,45 a 4,92 euro per gli utilizzatori che telefonano da un paese dell’Unione europea all’altro. I consumatori lituani pagano per una telefonata dalla Francia da 4,41 euro fino a ben 12,08 euro. Il Centro Europeo Consumatori auspica che i tempi di approvazione del regolamento europeo siano ridotti al minimo e suggerisce nel frattempo ai consumatori di adottare precauzioni nell’uso del telefono quando viaggiano in UE, informandosi sui costi, privilegiando la rete fissa a quella mobile, acquistando carte telefoniche internazionali ed usando di più gli SMS. Di prossima uscita un numero di approfondimento della Newsletter “Europa Consumi”.

Lascia un commento