Verso la semplificazione e digitalizzazione dello Stato

Il governo ha annunciato una manovra triennale per raggiungere il pareggio di bilancio con un intervento di circa 13,1 miliardi. Fondamentale risulta la riduzione dei costi che può essere attivata con due strumenti principali: la semplificazione e l’uso di tecnologie digitali. Tra le possibili iniziative possibili vi sono la semplificazione delle pratiche amministrative e delle norme. Per riorganizzare e semplificare l’amministrazione è opportuno intervenire sulle strutture amministrative attraverso la concentrazione presso una sola amministrazione di tutte le autorizzazioni necessarie per le attività e le pratiche delle imprese e dei nuclei familiari.

L’amministrazione elettronica (e-adminstration) è uno strumento utile per migliorare i risultati della pubblica amministrazione. Le procedure devono essere automatizzate e informatizzate. Il canale internet può essere privilegiato per le pratiche e le transazioni tra pubblico e privato (ad eccezione dei servizi in cui è importante l’interlocuzione diretta).

Diverse sono le possibilità per favorire la gestione elettronica delle informazioni: digitalizzazioni delle procedure amministrative, sportello unico virtuale, digitalizzazione del patrimonio culturale, giustizia digitale, borsa digitale dell’impiego, conto amministrativo digitale.
Importante è pure, per la riduzione dei costi, il controllo dei risultati ottenuti dalle politiche pubbliche in modo da ridurre le spese di intervento meno efficaci e utili allo sviluppo.

Lascia un commento