Dal prossimo anno in Europa SMS a non più di 11 cents

Buone notizie dal fronte della comunicazione via cellulare almeno in Unione Europea: entro la prossima estate ci sarà lo stop al caro-sms: Viviane Reding, commissario Ue alla Tlc, presenterà tra qualche giorno il nuovo regolamento con cui si introdurrà un’eurotariffa roaming non solo per i messaggi telefonici inviati o ricevuti all’estero, che non costeranno non più di 11 centesimi, ma anche per MMS e trasmissione dati via telefono o via internet.

L’obiettivo è di fare approvare la proposta dalla Commissione europea tra la fine di settembre e l’inizio di ottobre, per poi inviarne il testo al Parlamento europeo e far entrare in vigore le nuove tariffe al massimo nel mese di luglio 2009. Questo per dare il tempo a tutti gli operatori di telefonia mobile di mettersi in regola. Importante sarà anche l’impulso che la presidenza francese di turno dell’Ue vorrà dare alla proposta che dovrà passare al vaglio anche del Consiglio Ue.

La bozza del regolamento prevede un tetto massimo di 11 centesimi per ogni SMS inviato o ricevuto all’estero, Iva esclusa, contro una tariffa media europea che attualmente si aggira sui 29 centesimi. Si va dai 6 centesimi in Estonia ai 60 centesimi del Belgio.

Sul fronte della trasmissione dati attraverso il telefonino, la proposta prevede un tetto massimo di un euro a megabyte (contro gli attuali 2 euro), per navigare su internet, scaricare dati o inviare e-mail. Dentro il regolamento ci sarà anche il prolungamento dei tetti fissati lo scorso anno ai costi del roaming per le chiamate all’estero.

Secondo gli ultimi dati della Commissione Ue, nel 2007 gli europei hanno speso 800 milioni di euro per inviare SMS in roaming e 560 milioni per la trasmissione di dati attraverso la telefonia mobile. In futuro si potrà finalmente spendere meno per comunicare, almeno tra gli europei.

Lascia un commento