Telecom: spariscono le fasce orarie, prezzi in calo

Dal 1° luglio prossimo spariranno le fasce orarie dalle tariffe di telefonia fissa di Telecom Italia. Ci saranno tariffe in generale più convenienti: il prezzo unico delle chiamate locali sarà di 0,70 cent al minuto, a fronte degli attuali 1,43 della fascia intera e degli 0,82 di quella ridotta, con una riduzione di prezzo pari al 38% rispetto alla media delle tariffe previste per le due fasce orarie. Per quanto riguarda invece le chiamate interurbane, il prezzo sarà di 5 cent al minuto, contro gli attuali 10,69 della fascia intera e 3,10 cent di quella ridotta (riduzione di prezzo media del 27%). Da registrare c’è però anche un piccolo aumento, quello del canone telefonico, che, sempre a partire da luglio, salirà da 16,08 a 16,50 euro al mese (+3%).

Nessun Commento

  • Lazza ha detto:

    Merito del VOIP: per fortuna pian piano sta distruggendo la telefonia tradizionale. 🙂

  • Alessio ha detto:

    Prezzi in calo? No, aumentano: le interurbane nelle ore e nei giorni in cui non si lavora aumentano del 61% , poco conta se diminuiscono quando non siamo a casa ed inoltre, oltre l’aumento del canone, viene eliminato l’accredito oggi riconosciuto fino ad un massimo di 1 ora di chiamate locali e di ½ ora di chiamate interurbane a bimestre.

  • Martino ha detto:

    Quello che non si capisce è l’alto costo delle interurbane, paragonabile a quello verso cellulari, che praticamente solo Telecom applica, mentre in genere gli altri operatori non fanno distinzione tra urbane ed interurbane.
    Tale distinzione sostanzialmente non esiste neppure nelle convenzioni Consip per le pubbliche Amministrazioni.

Lascia un commento