Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Il più bel lavoro del mondo? L’impresa sociale

Si è svolta martedì sera a Milano la premiazione dei finalisti della seconda edizione del concorso “Il più bel lavoro del mondo”, promosso da “Make a Change” – la prima organizzazione italiana nata per promuovere il business sociale nel nostro paese – e dedicato a nuovi progetti di imprenditoria sociale.Make a change” e “Only The Brave Foundation”, che fa capo a  Renzo Rosso (fondatore del marchio Diesel e presidente della holding “Only the Brave”-OTB, che controlla aziende quali Martin Margiela e Viktor & Rolf) hanno conferito il primo premio al progetto “Eye Assist” di Mattia Daldoss.

“Eye Assist” è un dispositivo software che elabora il movimento oculare dei pazienti affetti da patologie neurodegenerative, consentendo loro di comunicare con il mondo circostante, e che viene distribuito a costi sensibilmente inferiori rispetto agli altri dispositivi attualmente sul mercato. Si tratta di una tecnologia a basso costo in grado di fornire servizi di videoscrittura ed intrattenimento a persone affette da patologie neuro-degenerative caratterizzate da gravi disturbi motori (SLA, distrofia muscolare, sindrome da Locked-in). Al vincitore è stato consegnato un premio in denaro di 30.000 Euro messo a disposizione da “Only The Brave Foundation”, insieme ad un pacchetto di servizi finanziari di Banca Prossima, contenente un conto corrente a canoni trimestrali azzerati per un anno, spese di istruttoria azzerate sui finanziamenti e la possibilità di accedere a “Terzo Valore” – la piattaforma di fundraising della Banca stessa.

Gli altri due progetti finalisti selezionati dalla giuria (presieduta dallo stesso Renzo Rosso e composta da manager e imprenditori di successo particolarmente attenti alle tematiche sociali) sono stati “Plain Ink” di Selene Biffi (produzione di libri illustrati per aiutare di aiutare bambini di origine straniera ad imparare l’italiano e stimolare i bambini italiani ad conoscere meglio le culture dei nuovi arrivati) e “Birrificio Sociale” di Giorgio Bardizza (impresa produttrice di birra artigianale che prevede l’inserimento e l’orientamento lavorativo di soggetti deboli).

“Make a Change” assisterà lo start-up del progetto vincitore per 12 mesi e assicurerà a tutti i tre finalisti, a partire dal 1 gennaio 2012, l’accesso al servizio di crowdfunding di Shinynote, il primo social network italiano fondato su basi etiche. Durante la serata – inserita all’interno degli eventi mondiali della Global Entrepreneurship Week (GEW) – è stato presentato anche “Make a Cube”, il nuovo incubatore di imprese sociali, che rappresenta la prima s.r.l. “low profit” nel nostro paese e il primo incubatore specializzato in imprese ad alto valore sociale e ambientale.

Sin dalla sua fondazione, “Make a Change” promuove la nascita di nuove imprese sociali, sia attraverso il concorso “Il più bel lavoro del mondo”, sia attraverso la collaborazione tra aziende profit, ma sensibili a questo tema, ed iniziative non profit economicamente sostenibili. “Il nostro obiettivo è affermare una nuova “asset class”: gli investimenti sociali. Non beneficienza o volontariato, ma veri e propri investimenti in imprese sociali. Su questo obiettivo vogliamo coinvolgere le imprese profit e gli imprenditori responsabili come Renzo Rosso” ha dichiarato Andrea Rapaccini, Segretario Generale di Make a Change e Presidente di MBS consulting, una delle società fondatrici del movimento. E Renzo Rosso ha concluso: E’ necessaria, anche nel nostro paese, una nuova forma di capitalismo dal volto umano, allo sviluppo del quale gli imprenditori italiani possono dare un importante contributo”.

Per approfondire:

In palio il più bel lavoro del mondo

Le “Belle Storie” di Buonenotizie su Shinynote

Lascia un commento