Apprendisti con i fondi della Provincia

L’apprendistato è pronto a compiere il salto di qualità e entrare nella categoria della formazione di serie A. La Provincia di Milano ha ricevuto otto miliardi e trecento milioni per avviare i nuovi corsi. Due miliardi in più rispetto allo scorso anno, quando furono erogati sei miliardi e 400 milioni. “Utilizzeremo questi fondi per avviare nuovi corsi – spiega l’assessore provinciale alla Formazione professionale Giuseppe Marzullo – Il nostro obbiettivo è passare dai 211 già avviati a 292. In questo modo potremmo soddisfare la richiesta crescente da parte dei ragazzi”.
Tra Milano e provincia, sono pronti ad alternare la formazione dietro ai banchi di scuola e l’esperienza in bottega oltre seimila giovani tre i 16 e i 24 anni. Tutti attratti dall’idea di assolvere all’obbligo formativo, come la riforma scolastica prevede, e di imparare al tempo stesso un mestiere. Al via 80 nuovi corsi per estetisti, tecnici informatici e animatori sociali.
Le novità nella nuova formula di scuola – lavoro non mancano: i ragazzi trascorreranno più tempo in azienda e non saranno abbandonati a se stessi una volta terminato il corso. L’apprendistato inoltre stringe la mano anche alle scuole private. Infatti non saranno solo gli enti pubblici a ospitare i corsi, ma ci si appellerà anche alla collaborazione degli istituti “legalmente riconosciuti”.

Lascia un commento