Fermare la fuga dei cervelli si può

C’è tempo fino al 16 ottobre 2009 per partecipare al bando indetto dalla “Fondazione per il Sud”, presieduta da Carlo Alfiero. La Fondazione per il Sud è un soggetto privato nato nel 2006 “dall’alleanza tra le fondazioni di origine bancaria e il mondo del terzo settore e del volontariato per promuovere l’infrastrutturazione sociale del Mezzogiorno”. L’iniziativa parte col piede giusto, lavorando in rete e promovendo le sinergie tra i diversi attori del territorio. Infatti è previsto un ruolo guida degli Atenei del Mezzogiorno e uno molto attivo dei rappresentanti del tessuto economico e sociale locale, con la partecipazione di imprese, istituzioni, banche, assicurazioni, sindacati, istituti di ricerca, mondo del volontariato.

Ma andiamo ad esaminare nel dettaglio l’iniziativa: l’obiettivo è di fermare la tradizionale emorragia di cervelli – periodicamente documentata da inchieste e dossier – tramite la messa in rete delle più interessanti risorse del territorio.
Il senso è di offrire ai giovani neo-laureati ad alto potenziale nei settori scientifico/tecnico ed economico percorsi integrati di inserimento nel mondo del lavoro, in ambiti in cui esiste la richiesta concreta ed effettiva di tali professionalità.

Dal momento che si opera in una corretta logica di sistema il progetto prevede la figura di un “garante dei talenti”, scelto tra una delle organizzazioni riunite in partnership per partecipare al bando, che avrà il compito di individuare le strategie più efficaci per trattenere le giovani promesse. Non in maniera astratta, beninteso, ma all’interno di un effettivo sbocco professionale.

Ecco dunque un progetto all’insegna della concretezza, che intende intervenire in uno dei settori più delicati delle eccellenze italiane.

Lascia un commento