Non è mai troppo tardi per chiedere scusa: l'incredibile storia di un ex ladro anonimo

E’ un normale venerdì mattina di inizio Settembre nel mini market “InterAsia” Nashville, Tennessee.
Come ogni giorno da anni, Somboon Wu e suo padre Keosavanh Xayarath sono a lavoro nel negozio di famiglia.
Xayarath passa lo sguardo attento tra gli scaffali. Controlla prezzi e scadenze, aggiusta barattoli e come sempre, fa in modo che tutto sia in ordine.

Proprio in quel momento si fa avanti un uomo dall’aria strana ed incerto sulle gambe. Sembra esitare ma poi riprende coraggio. Le telecamere lo riprendono, ma non ha l’aria di essere un malintenzionato. Avanza con passo sempre più sicuro nel mini market guardandosi attorno. Nella mano stringe una piccola busta bianca. Si avvicina ad un commesso e con voce ferma gli chiede del proprietario. L’uomo si avvicina a Somboon Wu e gli consegna la busta prima di sparire dalla porta di vetro da cui poco prima era entrato. Incuriosito il giovane, ormai raggiunto dall’anziano genitore, apre la lettera, scoprendo in un istante il motivo dell’esitazione dei gesti dell’uomo che gliel’ha appena consegnata.
lettera ex ladro pentito

Nella busta ci sono 400 dollari e un biglietto scritto a mano che recita:

“Sono un tossicodipendente. Circa 11 o 12 anni fa, ho commesso una rapina in questo negozio armato di una pistola. Non faccio più uso di droga e sentivo di dover fare ammenda verso le persone che ho ferito in passato. Feci irruzione nel vostro negozio verso le 9 o 10 del 2002 o 2003. Ho comprato una cassa di birra e chiesto delle sigarette. Quando il registratore di cassa fu aperto, tirai fuori la pistola e sottrassi circa 300 dollari. Uscito dal negozio, mi misi al volante di una macchina bianca.
Vi prego di accettare questi soldi e di perdonarmi.
Che la pace sia con voi

– Anonimo- “

Il signor Wu posta subito la foto del messaggio sul suo profilo Instagram e Twitter, aggiungendo a sua volta un messaggio.
Questo gesto” scrive il signor Wu  “è fonte di ispirazione e ci ricorda che il mondo è pieno di persone buone. All’anonimo  voglio dire che ti perdoniamo e ringraziamo per il tuo biglietto. Non importa dei soldi. Il tuo gesto è quello che conta, che ci ispira e tocca il cuore. Ti auguriamo di trovare pace nella vita e prosperità“.

Intervistato dalla televisione locale WSMV, Somboon Wu ha dichiarato il suo stupore difronte a simile gesto, aggiungendo che “anche se difficile, è importante dare alle persone una seconda possibilità“. Ha usato parole di stima per l’uomo che ha sbagliato ma ha avuto il coraggio di chiedere scusa e che con il suo gesto ha dimostrato che non è mai davvero troppo tardi per fare ammenda dei propri errori.

 

Lascia un commento