Sconosciuto ruba le mance in un bar: il titolare non chiama la polizia, ma organizza colletta per aiutarlo

Era entrato in un bar e, dopo avere ordinato, aveva approfittato della disattenzione generale per rubare le mance destinate ai camerieri del locale, ripreso però dalla telecamera di sorveglianza. Eppure il titolare ha deciso di non chiamare le forze dell’ordine, organizzando invece una colletta alimentare per lo sconosciuto. Che evidentemente era in un momento di difficoltà. E’ successo a Stow, cittadina dell’Ohio (USA) di circa 35.000 abitanti. Il barista è Michael Litt, proprietario del “Nervous Dog Coffee Bar”: dopo l’accaduto ha pubblicato il video di sorveglianza, che riprendeva lo spiacevole episodio, sulla pagina Facebook del locale, informando i clienti di aver organizzato una raccolta di cibo e chiedendo loro di aiutare quello sconosciuto.

“Immaginiamo che una persona che arriva al punto di rubare le mance destinate ai ragazzi che lavorano per pagarsi gli studi, sia disperata e affamata”, ha scritto Michael Litt su Fb. “Abbiamo pensato di organizzare per lui una raccolta di cibo. Inizieranno i nostri dipendenti mettendo una o due confezioni di cibo a testa e, in ognuno dei nostri locali, metteremo un apposito contenitore per raccogliere le vostre gentili donazioni”.

Il giovane gestore del bar, Scott Moses, 24 anni, ha dichiarato alla stampa che una delle dipendenti ha notato solo a fine turno che il contenitore per le mance era insolitamente “scarso”, rispetto al numero di clienti di quel giorno. E così, ha pensato di guardare il video della sorveglianza ed ha avuto la conferma che qualcuno aveva rubato le mance.

“Non riuscivamo a credere che qualcuno potesse fare una cosa del genere”, ha detto Scott. “E’ stato molto deprimente, perché lavoriamo in un bar e non abbiamo stipendi da favola. Molti di noi frequentano il college e si pagano gli studi. La maggior parte di chi lavora qui è studente. E le mance per noi sono fondamentali”.

“Ha infilato la mano nel contenitore delle mance, ha preso tutto ciò che riusciva a prendere ed è uscito, come se nulla fosse. Ma riteniamo che, per arrivare a rubare le mance, fosse davvero disperato. E così, abbiamo deciso di aiutarlo”.

Scott ha affermato che la maggior parte dei clienti ritiene che il negozio abbia fatto “la cosa giusta” mostrando sensibilità ed empatia nei confronti di chi ha sbagliato sottraendo le mance. “Ci sono persone in situazioni di disagio”, ha sottolineato,“Siamo consapevoli che la gente sta attraversando momenti difficili”.

Stow5La colletta, ha concluso Scott, sta andando molto bene: il bar ha raccolto sia molti alimenti, sia una busta con denaro contante, destinati allo sconosciuto. L’uomo, che pare nessuno abbia finora identificato (nella foto a lato), è stato invitato pubblicamente a presentarsi al locale per ritirare il tutto.

E se non dovesse ripresentarsi? Niente paura: in questo caso, a Natale alimenti e soldi raccolti saranno devoluti al Banco Alimentare della contea.

 

Lascia un commento