La fortuna di non avere fortuna!

Pubblicato da Sebastiano Todero 30 aprile 2012 3 Commenti

fortuna ai dadi 150x150 La fortuna di non avere fortuna!Eccoci qui per il Lunedì con l’Amico Ottimista e oggi, forse, mi farò qualche “nemico”. Sì, perché sto per parlare di qualcosa di “scomodo”, che tira sempre in ballo polemiche infinite e che divide le persone in due grandi categorie. Le categorie dei F……. e degli S….. (capirai meglio dopo!). Voglio parlare di FORTUNA e di “psicologia della Fortuna“, argomento veramente interessante, del quale mi sono occupato proprio come dottore in psicologia, prima che come esperto di Ottimismo.

Come vedi, per la foto ho scelto dei dadi, che rappresentano proprio la “sorte”, la casualità e, come si suol dire, le cose che avvengono per pura combinazione.

Eppure un conto sono i dadi veri e propri e l’utilizzo che possiamo farne in un contesto ludico (che sia di gioco o di scommessa non importa) e un conto è la “metafora dei dadi”, che applichiamo ad altri contesti della vita.

Mentre se tiriamo i dadi in un gioco stiamo veramente usando la fortuna, perché non c’è modo di usare l’abilità per ottenere un certo risultato, troppo spesso pensiamo – erroneamente – che anche in tanti altri contesti si tratti di fortuna e non di bravura.

Paradossalmente, proprio quando giochiamo con i dati, con le estrazioni o comunque con tutti i meccanismi di selezione casuale di un certo risultato tipici delle lotterie e quant’altro, facciamo un errore fondamentale: dimentichiamo che ogni tiro di dadi è virtualmente il primo e l’ultimo!

Ciò significa che se è uscito per 20 volte un certo numero, al 21° tiro le probabilità che esca lo stesso numero sono le stesse identiche del 1° tiro. Si dice, infatti, che “i dadi non hanno memoria” e che, ogni volta, si comportano come fosse il loro primo ed unico lancio.

Al contrario, se dobbiamo impegnarci a prevedere l’esito di una sequenza di lanci, siamo quasi inevitabilmente propensi a pensare che, dopo tante ripetizioni dello stesso risultato sia impossibile che esca ancora, oppure il contrario, cioè che se dopo tante volte che non esce un numero sia più probabile che esca.

Questo, in un contesto di gioco o scommessa, altera le nostre decisioni e può spingerci a fare delle vere e proprie follie psicologiche (e non solo) come, ad esempio, pensare che se abbiamo adocchiato un numero ritardatario (cioè che non esce da tante estrazioni) sia intelligente puntare su quel numero, perché ci sono buone probabilità che esca!

Nonostante la semplicità di questa regola elementare della statistica, questa cosa la capiscono in pochi o, meglio, sono in molti a non capirla e a giocarsi una fortuna in lotterie, scommesse e macchinette che ci attirano con il miraggio di una vincita.

Quindi qual’è la Buona Notizia? Che la fortuna non esiste! o, almeno, che è statisticamente molto improbabile e che non vale la pena si puntarci neppure 1 euro.

Qual’è la BruttaNotizia? Che, purtroppo, a volte qualcuno vince e questo non fa altro che alimentare la nostra “falsa e dannosa speranza” che, magari insistendo e giocando molto, possa toccare anche a noi.

Non c’è nulla di più pessimistico che puntare sulla fortuna al gioco. I veri Ottimisti Realisti sono convinti di non avere fortuna al gioco… e non la vogliono nemmeno! Al contrario le persone più “sfortunate” (qui uso la parola come sinonimo educato di “ignoranti”) sono convinte di essere fortunati o, quantomeno, di poterlo diventare. Alla fine quelli che giocano a macchinette, lotterie, scommesse o quant’altro sono i più “sfigati” in tutti i sensi.

Quindi, la morale è che: un vero Ottimista ha la fortuna di non avere fortuna e, di conseguenza, non la cerca giocando.

La prossima settimana continueremo questo discorso per capire meglio qual’è la Fortuna (con la F maiuscola) degli Ottimisti e come si possa imparare ad averne di più.

Nel frattempo,  se vuoi approfondire l’argomento, puoi scaricare e leggere questo mio eBook sul tema!

Ti è piaciuto questo articolo? Ti ha incuriosito e fatto riflettere? Lascia un commento…

Alla prossima settimana!

Dott. Sebastiano Todero
www.ClubdegliOttimisti.it

PS.     Ricordati che un tizio abbastanza intelligente diceva che “Dio non gioca a dadi
PS2.  Il tizio era Albert Einstein…

 

 

 

Scopri tante altre buone notizie sulla nostra applicazione BuoneNotizie PLUS

Argomenti correlati:

A proposito di Sebastiano Todero

Sono un dottore in psicologia del lavoro ma sono soprattutto una persona che ama la vita! Mi sono specializzato nello studio della psicologia positiva e in particolare dell'Ottimismo Realistico. Da oltre 15 anni mi occupo di divulgazione perché credo che la psicologia, se resa semplice e applicativa, possa essere un valido aiuto a tutte le persone che vogliono vivere con più ottimismo, ma anche con più realismo. BuoneNotizie.it è il luogo migliore per tenere una rubrica sull'Ottimismo che ci faccia iniziare bene la settimana :-)

Leggi tutti gli articoli di Sebastiano Todero Visita il sito web dell'autore

Ci sono 3 Commenti

  1. - 1 maggio 2012

    Purtroppo esistono ancora molte persone che non hanno neppure i più elementari rudimenti di statistica. A mio avviso questi concetti andrebbero insegnati alle scuole elmentari.
    “Fortuna” che c’è l’amico ottimista. :) ;)

  2. Grazie Lazza.
    Immagino che tu conosca un po’ di statistica ed in effetti contro la “tentazione” di giocare è veramente l’arma più efficace.
    Pare brutto da dire… ma giocare non è “sbagliato” o “immorale”… è semplicemente “STUPIDO”, inteso come poco intelligente, antilogico e con probabilità di vincere assurdamente basse.

    Purtroppo sappiamo bene che le persone non godono solo nel raggiungere gli obiettivi ma anche nella speranza di raggiungerli… e in questo il gioco d’azzardo e le lotterie sono imbattibili: sono delle macchine per vendere speranze che non si realizzeranno mai.

    Speranze che si pagano a caro prezzo!  Ma così è…

    Passa a trovarmi anche nel CLUB:
    http://www.clubdegliottimisi.it

    Sebastiano Todero

  3.  Hai ragione Lazza…. alle scuole elementari dovrebbero insegnare cose molto diverse da quelle che insegnano!! Ma anche questo cambierà….

Scrivi il tuo commento

 

  • Sabitri Thapa

    Dear Madam Sarah Quatela, AM an in bound tour op …

  • mariolina

    condivido pienamente quanto scritto nell'articolo, …

  • cinzia

    P.S.: quando poi si tratta di vendere i vostri inu …

  • cinzia

    Ma come la fate facile, voi psicologi sempre con l …

  • lucio

    Io nella mia vita ho pensato sempre fare cose posi …

BuoneNotizie.it su Google+