Una casa migliore per anziani e disabili grazie al touch screen

Una nuova tecnologia messa a punto dall’Università delle Marche consente di migliorare la qualità della vita delle persone anziane e con mobilità ridotta, dando loro la possibilità di gestire l’abitazione attraverso un semplice schermo touch screen.

Il Laboratorio di Telecomunicazioni dell’Università Politecnica delle Marche, insieme ad ArieLab (società spin-off della stessa Università) e ad Automa Srl (azienda produttrice di sistemi domotici), ha messo a punto una tecnologia che favorisce l’autonomia domestica di anziani e diversamente abili.

La nuova tecnologia consente all’utente di gestire in maniera autonoma l’ambiente domestico attraverso un normale monitor touch screen oppure un panel pc touch screen collocato sulla sedia a rotelle. Le funzionalità implementate sono molteplici e consentono, ad esempio, di azionare gli elettrodomestici, di accendere e spegnere le luci, di aprire e chiudere le finestre o le tapparelle senza doversi muovere, ma toccando semplicemente lo schermo. Attraverso un videocitofono, è possibile vedere chi sta chiamando dall’esterno dell’abitazione e, sempre sfiorando il monitor, aprire la porta. Il sistema dà la possibilità di telefonare ad una serie di numeri predefiniti individuati da immagini, facilitando così l’identificazione dei soggetti. Inoltre, consente di ricordare eventuali terapie mediche, inviando sullo schermo avvisi sulle medicine da prendere o elencando tutte le pastiglie da assumere nell’arco della giornata.

Oltre al monitor touch screen, la tecnologia elaborata dall’Università delle Marche consente all’utente di gestire l’ambiente domestico anche attraverso un telefonino o un normale telecomando per la tv. In questo modo aumenta in maniera sensibile il grado di autonomia di una persona anziana o diversamente abile, consentendole di condurre una vita più serena nel proprio ambiente domestico.

Il progetto, presentato ad Ancona all’edizione 2010 di Terza Età Expo, rientra nell’ambito dell’Ambient Assisted Living-AAL, il programma di ricerca europeo finalizzato all’utilizzo di tecnologie innovative che permettano a disabili e anziani di vivere in casa propria, migliorando la loro autonomia, facilitandone le attività quotidiane, garantendo loro buone condizioni di sicurezza domestica.

Lascia un commento