Top model sostiene programma sanitario in Sierra Leone

Selita Ebanks

La top model statunitense Selita Ebanks ha scelto di dedicare la maggior parte del suo tempo, invece che alle sfilate, alla raccolta fondi per Shine on Sierra Leone (SOSL) – un’organizzazione no profit che si occupa di programmi sanitari ed educativi in uno dei paesi più poveri del mondo. Selita, che nel 2008 era andata in Sierra Leone grazie ad una famosa rivista di moda, ha dichiarato “Non sapevo molto sulla Sierra Leone, solo che era un paese lacerato dalla guerra. Tiffany Perons (la fondatrice di SOSL) era con noi e ci ha invitato a visitare una delle sue scuole. C’erano circa 500 ragazzi stipati in tre aule senza tetto, né finestre, né banchi. Lì ho capito che dovevo lavorare con loro”.

Dopo aver raccolto fondi per la prima scuola, Selita ha deciso di lavorare a tempo pieno per SOSL. Secondo l’ONU, la Sierra Leone, che sta cominciando a risollevarsi da una lunga guerra tristemente nota per i bambini-soldato, è l’ultimo paese al mondo per assistenza sanitaria e ha il più basso indice di sviluppo umano al mondo (dopo il Niger). Le statistiche sono terribili: in Sierra Leone 1 donna su 8 muore di parto, 1 bambino su 6 muore prima di compiere 1 anno e 1 bambino su 5 muore prima dei 5 anni. Al momento ci sono solo 12 medici e 1 ginecologo in tutto il paese e si calcola che …

Laura Pavesi

Continua a leggere questa storia su  Shinynote.com  in collaborazione con BuoneNotizie.it* 

Lascia un commento