Beneficenza: anche giocando si può aiutare il prossimo

FinaleEmilia

Tutti ricordiamo Finale Emilia, in provincia di Modena, per essere stato uno dei comuni più colpiti dalle terribili scosse di terremoto del 20 e 29 maggio 2012. Ma non tutti sanno che, tra le numerose  attestazioni di solidarietà, ce n’è una molto particolare: il Casinò di Sanremo. Il settore del gioco online e live non è certo la prima cosa che viene in mente quando si parla di beneficenza. Ma non è così: spesso dimostra di poter dare contributi importanti ed un esempio è dato dal sisma che ha colpito l’Emilia Romagna e che ha visto coinvolti nella raccolta fondi più di un casinò italiano e diverse poker room, dove i giocatori hanno contribuito con somme di denaro, in alcuni casi anche molto cospicue.

Uno di questi è il Casinò di Sanremo, che ha destinato la somma di 16.455 euro per la ricostruzione di una scuola a Finale Emilia. E lo ha fatto tramite una campagna promossa il 20 luglio scorso, grazie alla quale ha destinato il 10% del giocato ai tavoli e alle slot machine. I giocatori che hanno risposto all’appello della casa da gioco sono stati oltre 1.600 e la somma è già stata versata direttamente al Comune.

“In un triste momento per la mia amata terra e la mia comunità, è meraviglioso scoprire come l’Italia civile si muova così velocemente per sostenerci ad aiutarci”, ha dichiarato il Sindaco di Finale Emilia, Fernando Ferioli. “Tutti noi siamo stati pesantemente colpiti, tutta la nostra storia è stata cancellata in pochi minuti come il nostro tessuto socio-economico. La vostra iniziativa in supporto ai nostri bimbi e alle nostre scuole ci permette di sperare e di vedere una luce in fondo al buio più denso. Un grazie infinito”.

Spesso queste iniziative non vengono pubblicizzate all’esterno del settore, eppure, nei mesi successivi al terremoto in Emilia, sono state numerose, diversificate ed organizzate sempre con il supporto dell’AAMS e della Protezione Civile. Inoltre, già in occasione del sisma che ha colpito l’Abruzzo nel 2009 o dello tsunami del 2004, gli eventi benefici legati al gioco si sono moltiplicati e, grazie alla diffusione del gioco online, è stato possibile raccogliere le somme necessarie per la ricostruzione di scuole, ospedali, infrastrutture stradali ed edifici pubblici.

Per non parlare, infine, delle tante iniziative private di giocatori che decidono di devolvere in beneficenza le vincite e di campioni di poker che si dedicano personalmente alla beneficenza e al volontariato.

Il settore del gioco online, nonostante sia governato dalle leggi di mercato, rimane in grado di chiamare a raccolta un bacino d’utenza straordinariamente elevato e spesso il richiamo dei casinò e delle poker room è più forte di quello strettamente mediatico. Per partecipare alle tante iniziative benefiche, gli utenti non devono fare altro che giocare ed è la piattaforma, con un sistema automatizzato e centralizzato, a destinare parte della somma o il totale della stessa ad enti e strutture dedicate. Il poker è stato forse l’apripista di questa tendenza, con alcuni tra i più importanti eventi benefici al mondo che ogni anno si ripetono e vedono la partecipazione di grandi giocatori e personaggi del mondo dello spettacolo.

Grazie alla visibilità di questa disciplina, l’intero settore del gaming online è stato in grado di rendersi protagonista di una nuova cultura della beneficenza, che è fatta anche di giocatori e che passa attraverso una dinamica divertente e “spensierata”.

 

Lascia un commento