Amore, due cuori affini battono all’unisono

È molto romantico e parlare di amore fa sempre bene. I cuori di due persone che si amano battono allo stesso ritmo. E da oggi, è anche scienza a dirlo. Emilio Ferrer, professore di psicologia alla University of California, ha condotto una studio su 32 coppie di innamorati. Le ha fatte sedere a circa un metro di distanza con l’obbligo di non interagire tra di loro, parlare o toccarsi. Durante i minuti successivi ha misurato il loro ritmo cardiaco e di respirazione. Risultato? Sia il battito del cuore che il respiro finivano per sincronizzarsi. Passo successivo è stato “mischiare” le coppie, ponendo in vicinanza due persone completamente estranee. Nessuna relazione tra il loro ritmo cardiaco o la loro respirazione.

Leggi anche: You&Me: app e vita di coppia 

Conclusione? Il legame tra due persone unite da un rapporto d’amore (e noi di storie di persone che si amano ve ne abbiamo raccontate tante. Vi ricordate quella di Ofelia e Eugenio?) non è unicamente a livello emotivo, ma anche fisico. Un’analisi più attenta dei dati raccolti ha inoltre evidenziato sono le donne a essere più propense a “agganciare” il loro cuore e il loro respiro a quello del partner. Secondo Ferrer “questo è un segnale del fatto che le donne tendono ad adeguarsi maggiormente al proprio uomo rispetto al contrario”.

Leggi anche: Sbadiglia? Vuol dire che ti ama 

Le donne sono quindi più empatiche? Riescono davvero a comprendere meglio lo stato d’animo di chi sta loro accanto? In attesa di una risposta certa a questo interrogativo, ora sappiamo che l’amore può superare i limiti fisici del nostro corpo per sincronizzarlo con quello della persona che amiamo.

Lascia un commento