Microsoft apre la caccia all'hacker

Prendendo un’iniziativa che non conosce precedenti nella storia dell’informatica, Microsoft ha deciso di offrire due taglie per complessivi 500 mila dollari a chi fornirà informazioni utili per la cattura dei creatori dei virus Blaster e Sobig. L’annuncio ufficiale è stato dato nel corso di una conferenza stampa. È il primo atto di un progetto che Microsoft ha battezzato Anti-Virus Reward Program: “Stanzieremo 5 milioni di dollari”, ha dichiarato la società di Bill Gates, “per aiutare le forze dell’ordine ad identificare chi rilascia worm, virus e altri codici di questo tipo su Internet”.
Il progetto di Microsoft ha l’avallo dell’Fbi e dell’Interpol, ma le taglie, da 250 mila dollari ciascuna, saranno coperte esclusivamente dalla società di Redmond. Negli Stati Uniti, non è insolito che un’azienda privata ponga taglie sulla testa di chi l’ha danneggiata, ma è la prima volta che ciò accade nell’industria dei computer e per causa di un virus. Si apre dunque uno scenario del tutto inedito, ed estremamente interessante: se gli autori dei due virus riusciranno a restare nell’ombra, lo smacco per Microsoft sarà grande. Ma 500 mila dollari iniziali, e 5 milioni complessivi, sono tanti: c’è da giurare che la prospettiva di arricchirsi metterà a dura prova la presunta solidarietà hacker. Anche gente che fino ad oggi aveva i mezzi ma non le motivazioni si porrà sulle tracce dei creatori dei due virus. La caccia è aperta. […]

Lascia un commento