Casa gonfiabile… in cemento

Due ingegneri londinesi hanno inventato una tenda “portatile” che, una volta integrata con una miscela di acqua e aria, diventa solida come un edificio prefabbricato. Lo strumento, ribattezzato Concrete Canvas, risulta facile da trasportare e relativamente economico. Stando a quanto spiegato dai due inventori potrà essere impiegato in tutte quelle situazioni d’emergenza dove le semplici tende risultano essere inadatte a proteggere le persone dal freddo. Agenzie umanitarie e comandi militari avranno così a disposizione un vero e proprio “edificio da sacco”, edificabile e utilizzabile dopo appena 12 ore.
Stando a quanto spiegato da Crawford e Brewin, la “casa portatile” punta a superare le due soluzioni attualmente disponibili per garantire un rifugio d’emergenza, ovvero la tenda, che offre scarsa protezione, e il prefabbricato, costoso e difficile da trasportare. La Concrete Canvas unisce gli aspetti migliori delle due opzioni tradizionali: è facile da trasportare come una tenda, ma allo stesso tempo resistente e sicuro come un prefabbricato.
I due ingegneri, che hanno lavorato ininterrottamente al progetto per ben 16 mesi, hanno realizzato fino ad ora 8 prototipi in scala 1:8 e fatto domanda di registrazione per un brevetto sulla “creazione di strutture attraverso un rivestimento impregnato di cemento collegato a una superficie interna gonfiabile”. Intanto, nonostante il dispositivo non sia stato ancora prodotto in serie, diversi rappresentanti delle agenzie Onu e quelli di altre organizzazioni non governative hanno detto di essere molto interessati all’acquisto di Concrete Canvas. “Se fosse già stato disponibile – ha commentato Monica Castellarnau, responsabile del programma Medici senza Frontiere in Uganda – ne avremmo comprati subito almeno dieci”.
La casa portatile, che sta dentro una sorta di involucro di plastica sigillata del peso di 230 chilogrammi, consente di costruire rapidamente un rifugio di circa 16 metri quadrati. “Si tratta di un dispositivo sterile – ha concluso Crawford. Pertanto in caso di emergenza è possibile eseguirvi anche degli interventi chirurgici, cosa assolutamente inconcepibile prima d’ora”.

Nessun Commento

Lascia un commento