Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

Milioni di nuovi pc low cost per i bambini del Terzo Mondo.

Un passo non indifferente verso l’alfabetizzazione informatica del terzo mondo. E’ questo l’obiettivo che si cercherà di raggiungere attraverso l’introduzione del pc “low cost”, ideato dal Mit, il Massachusetts Institute of Technology di Boston, grazie all’intuizione di Nicholas Negroponte. Cento dollari il prezzo del prodotto, appena 83 euro al cambio attuale, circa un decimo del prezzo medio dei computer utilizzati nell’occidente industrizzato. Al fine di non aumentare il costo per l’acquisto dei pc verrà completamente saltata la fase di intermediazione, così che la negoziazione avverrà esclusivamente fra produttori (AMD, Brightstar, News Corporation e Red Hat) e acquirenti (governi o ONLUS). Il prototipo dovrebbe vedere la luce entro novembre ed essere messo in produzione nel 2006.
Il primo lotto (circa 15 milioni di pezzi), dovrebbe essere destinato ai bambini di Egitto, Thailandia Sud Africa, mentre la distribuzione di massa dovrebbe avvenire fra il 2007 e il 2008. Il prodotto, nelle intenzioni di tutti, non dovrebbe finire in mano alle scuole ma direttamente ai bambini, grazie anche a un sistema di sicurezza studiato da Google e AMD.
Alcune brevi note tecniche: verrà utilizzato un sistema operativo gratuito come Linux, il processore viaggerà a una velocità di 500 Megahertz (circa un quinto dei pc tradizionali), nessun disco fisso bensì una memoria flash, come quelle utilizzate nei lettori mp3, 1 gigabyte di memoria. Il tutto rivestito in gomma per resistere agli urti, una cinghia per indossarlo come una tracolla e una manovella per dare corrente in mancanza di prese o generatori nei paraggi.
Il progetto sarà presentato al prossimo Vertice Mondiale delle Società dell’Informazione in programma a Tunisi dal 16 al 18 novembre, ma ha suscitato grande interesse ancor prima di finire in “catena di montaggio” come testimoniano i 4,5 milioni di ordini già ricevuti.

Lascia un commento