Presto in Italia tecnologia per eliminare gli sms riservati

A metà del 2004, il volume di traffico annuo in tutto il mondo era di circa 500 miliardi di sms; la crescita del fenomeno è esponenziale: nel 2000 i messaggi erano stati circa 17 miliardi. In Italia, per dare qualche cifra, nel 2001 ogni utente mandava in media 21 sms al mese; nel 2004 il numero era salito a 37. La maggior diffusione dell’uso del servizio si riscontra tra i giovani, in particolare nelle grandi città. Una curiosità: sono le Filippine lo stato con il primato mondiale di utilizzo di sms. Non è raro che tali messaggi contengano informazioni riservate. Proprio per evitare possibili violazioni della privacy un’azienda inglese ha messo a punto una tecnologia che cancella automaticamente i messaggi: quando si riceve un messaggio, il sistema invia al destinatario un sms di notifica con il nome del mittente e un collegamento al testo vero e proprio. Una volta aperto, questo rimane visibile per quaranta secondi, dopo viene automaticamente cancellato.
Al momento tale possibilità esiste solo in Gran Bretagna ma è prevedibile una rapida estensione verso tutti i maggiori fruitori dei famigerati messaggini, USA ed Europa in primo luogo. Saranno presto disponibili innovazioni simili anche per quanto riguarda la posta elettronica e gli mms.

Lascia un commento