Genova, al via operazioni per 'Silicon Valley' italiana

Una “Silicon Valley” italiana, con università e centri di ricerca pubblici e privati che operano al fianco di imprese e investitori. Sarà così il Parco scientifico e tecnologico “Leonardo” di Genova: il ”più innovativo e grande polo nazionale di imprese ad alta tecnologia e di formazione”, che ora, riferisce una nota della società Genova High Tech, “può entrare nella fase operativa”. Genova High Tech, si legge nel comunicato, ha firmato infatti il rogito notarile per l’acquisto dalla società Erzelli di ben 380mila metri quadrati di terreno. Obiettivo del Parco Leonardo: copiare quel modello vincente che permette far convivere in un’area relativamente circoscritta (non solo nei laboratori e negli uffici, ma anche nelle residenze) studenti, professori, ricercatori, ingegneri e tecnici. Lo scopo dei promotori è ”creare una “massa critica” di conoscenze, contatti, legami e relazioni, humus favorevole alla nascita e allo sviluppo di imprese e attività tecnologiche”. Il tutto in un ‘campus’ dotato di ristoranti, luoghi di svago e spazi per le relazioni sociali e personali. In questo modo, conclude la nota, anche la città di Genova ”potrà inserirsi, con una specifica attrattività, nel panorama internazionale dei parchi tecnologici e scientifici, in una configurazione dimensionale e qualitativa ancora non presente nel nostro Paese e competitiva sul piano mondiale”.

Lascia un commento