Warning: array_key_exists() expects parameter 2 to be array, null given in /web/htdocs/www.buonenotizie.it/home/wp-content/themes/salient-child/single.php on line 19

La musica vincente si ascolta online.

Chi non ha mai scaricato il suo pezzo preferito sul computer di casa o dell’ufficio per poi farsene un bel cd o un mp3 da ascoltare? Chi non ha mai mandato un messagino a quelle apposite numerazioni che appaiono anche in tv per avere sul cellulare la suoneria più alla moda? Ebbene le vendite di musica via internet sembrano a dir poco impazzite superando anche, nel 2005 un miliardo di dollari di fatturato.
La notizia e i relativi dati, emergono da un rapporto sulla musica digitale datato già 2006 e redatto dall’ Ifpi, International Federation of Phonografhic Industry.
Il documento Digital Music Report contiene infatti tutti i dati, a livello internazionale, relativi al mercato della musica digitale nel 2005, considerando i valori di incremento delle vendite che, secondo lo studio si sono triplicate rispetto al 2004.
Mentre il mercato del vecchio disco sembra quindi subire flessioni considerevoli, il boom è delle suonerie e della musica sul web. Il navigatore si sa è soprattutto giovane e sono proprio loro i maggiori fruitori di suonerie originali per telefonini, musica scaricabile, ma anche gingle e video musicali. La musica non si scarica più soltanto illegalmente ma in modo assolutamente conforme alle leggi, tanto è vero che, il fenomeno e i relativi ricavi, vincono anche sulla pirateria e sulle tracce formato “tarocco”.
Di fronte a questi dati anche le case discografiche sembrano schierarsi dalla parte dei consumatori, aumentano considerevolmente la quantità di brani a disposizione online, raggiungendo una quota di due milioni di tracce presenti e a disposizione degli utenti. Scende allora il consumo dell’originale e sale quello del brano on line, scaricabile via internet o acquistabile tramite negozi virtuali, appositamente nati per soddisfare tutte le esigenze e dove è possibile ottenere le proprie canzoni preferite a prezzi decisamente inferiori.
Un mercato insomma destinato probabilmente a un ulteriore incremento, considerando i prezzi ormai eccessivi dei cd e dei brani originali, che con l’avvento dell’euro si sono portati ben al di sopra delle possibilità, in modo particolare dei giovani fruitori, proprio coloro che rilevano una maggior confidenza con il mondo web e al quale si affidano per ascoltare la musica davvero vincente: quella online.

Lascia un commento