Figli sempre davanti ai videogiochi. Ora si può controllare

Dita che schiacciano freneticamente i tasti del joypad e occhi fissi sullo schermo: i bambini trascorrono così buona parte del loro tempo libero. Cercare di evitare che le ore dedicate ai videogames diventino troppe ed impedire che i ragazzi usino giochi dai contenuti non proprio adatti a loro è divenuto uno dei compiti principali dei genitori di oggi. Questi ultimi, secondo un’indagine condotta in Italia, Regno Unito, Francia e Germania, gradirebbero che i sistemi di gioco fossero dotati di dispositivi per controllare quante ore i loro figli passano giocando ai videogames. Una sorta di timer, insomma, che li avvisa quando è ora di spegnere consolle e pc.

In Italia, come negli altri paesi, le mamme e i papà faticano a porre un freno ai propri pargoli: circa la metà (il 49% contro il 44% totale) concede ai propri figli circa un’ora al giorno per i videogiochi, ma solo un genitore su dieci la ritiene una quantità di tempo accettabile. Gli adulti italiani sono quelli che prestano maggiore attenzione (83%) ai contenuti dei videogiochi che maneggiano i figli, e i due terzi di loro si ritengono sufficientemente informati sui sistemi di controllo per i genitori. La stragrande maggioranza ammette, tuttavia, che il loro controllo sul tempo dedicato dai loro ragazzi ai videogames è limitato: per questo gli italiani si dimostrano i più entusiasti nei confronti delle funzionalità di monitoraggio del timing.

La ricerca, inoltre, ha rivelato che la maggior parte dei genitori è al corrente dell’esistenza di funzionalità di controllo nelle piattaforme di gioco (79%) e di indicazioni sull’età per i videogiochi (96%). Tuttavia, è molto meno diffusa la conoscenza dei sistemi di classificazione dei videogiochi in grado di aiutare i genitori a stabilirne l’idoneità (50%).

L’indagine “Play Smart, Play Safe”, condotta su un campione di 4mila genitori è stata promossa dalla Microsoft, la cui consolle Xbox è stata la prima piattaforma di gioco ad introdurre funzionalità incorporate di controllo per i genitori.

Lascia un commento