Cresce in Italia l'uso di fonti rinnovabili

Gli impianti di produzione di energia da fonte rinnovabile sono in forte espansione nel nostro paese. E’ questo il risultato dell’indagine ‘I Comuni Italiani 2009’ condotta da Cittalia, la fondazione Anci ricerche, per cercare di capire i cambiamenti in atto nei comuni italiani. Quelli lombardi, per esempio, producono, complessivamente, la quota maggiore di energia da fonte rinnovabile, seguiti da quelli del Trentino Alto Adige, della Toscana e del Piemonte. Inoltre, sono quasi 600 i comuni, localizzati principalmente in Lombardia (32%), Emilia Romagna (10,5%) e Friuli Venezia Giulia (9,1%) che hanno installato sui propri edifici (scuole, ospedali, uffici, biblioteche, ecc.) impianti per la produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile. L’energia proviene sempre più spesso da impianti eolici, fotovoltaici, solare termici, mini idroelettrici e geotermici, impianti che troviamo prevalentemente nel nord Italia. I comuni lombardi producono, complessivamente, la quota maggiore di energia da fonte rinnovabile, seguiti da quelli del Trentino Alto Adige, della Toscana e del Piemonte. La fonte di energia rinnovabile maggiormente diffusa è il fotovoltaico: i comuni dove sono maggiormente presenti questi impianti sono l’Emilia Romagna, la Toscana, la Puglia, il Friuli Venezia Giulia, il Veneto e il Trentino Alto Adige. Il solare termico la fa da padrona in oltre l’80% dei comuni del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Ma è nel sud del paese che si rileva la maggior produzione di energia solare: infatti, leader in questo settore è la Puglia, seguita da Lombardia, Trentino Alto Adige ed Emilia Romagna. Meno diffusi sono, invece, gli impianti mini idroelettico ed eolico, questi ultimi diffusi in oltre il 10% dei comuni pugliesi, molisani e lucani, mentre i primi in oltre un quinto di quelli valdostani. Infine, solo nell’1% dei comuni italiani, soprattutto nel nord del paese, sono localizzati impianti di produzione di energia geotermica. Dati comunque in miglioramento che fanno sperare in un ampliamento degli impianti.

Lascia un commento